«Inizia la Fase 2 a Recanati:
delicata e incerta,
serve responsabilità»

RIPARTENZA - Dal Colle dell'Infinito a Villa Colloredo, riaprono i parchi. Il sindaco però chiede di continuare a usare le precauzioni per evitare i contagi. Da lunedì si può tornare ad andare ai cimiteri
- caricamento letture

 

Il-Sindaco-Antonio-Bravi-distribuisce-le-mascherine-nelle-case-consegna-mascherine-recanati-e1586373990410-650x588

Il sindaco Antonio Bravi distribuisce mascherine durante la fase dell’emergenza

 

«L’emergenza non è finita, questa è una fase delicata, conto sul senso civico dei miei concittadini e delle mie concittadine» così il sindaco di Recanati, Antonio Bravi, in vista delle riaperture di lunedì. I principali parchi pubblici di Recanati, Villa Colloredo, Colle dell’Infinito e i Giardini Beniamino Gigli saranno riaperti per passeggiate e sport. Importante però è che l’uso degli spazi all’interno dei parchi dovrà avvenire nel rigoroso rispetto delle regole per contrastare il possibile contagio da Coronavirus: distanze interpersonali, divieto di assembramenti, uso di mascherine o protezioni per coprire naso e bocca. I parchi saranno costantemente monitorati  dal sistema di videosorveglianza e controllati  dal pattugliamento dei vigili urbani,  agli ingressi saranno presenti cartelli con tutte le misure da osservare. Sarà aperta anche l’area dedicata ai cani. Restano chiuse le aree attrezzate con i giochi dei bambini. «Sarà possibile ritornare a passeggiare nelle nostre splendide aree verdi, ma con la coscienza di mantenere le misure di distanziamento fisico e di divieto assoluto di assembramenti – dice il sindaco –. Presto, grazie alla collaborazione  con le associazioni che hanno in convenzione la gestione di alcuni parchi minori, saremo pronti a riaprire anche queste aree verdi della città. Siamo pronti anche per la riapertura dei cimiteri, come stabilito a seguito di una riunione di Giunta tenutasi online lo scorso mercoledì. In questa fase di riaperture contiamo molto sul profondo senso civico dei nostri concittadini e concittadine, ai quali va il nostro ringraziamento per averlo già ampiamente dimostrato nel periodo di massime restrizioni.

colle-infinito

Un’immagine del Colle dell’infinito

Nella stessa riunione – continua il sindaco Bravi – si sono prese in esame possibili iniziative per venire incontro alle esigenze delle famiglie, pensando alle scuole chiuse e alla graduale ripresa del lavoro da parte dei genitori. Stiamo pensando a un’anticipazione dell’apertura di centri estivi, in una modalità diffusa sul territorio, con piccoli gruppi di bambini e bambine». Al via anche la riapertura dei mercati alimentari, con bancarelle distanziate e relative regolamentazioni di divieto di assembramento. Si parte martedì 5 maggio con il mercato di quartiere a Villa Teresa e sabato 9 maggio con il mercato settimanale del  centro storico, e continuerà a rimanere  aperto il giovedì pomeriggio il mercatino “Ti porto l’orto” di Villa Colloredo. Per garantire maggiori facilitazione alla circolazione degli automezzi in centro storico, la Ztl (Zona a traffico limitato) in centro, nei giorni festivi, si chiuderà alle 19, un’ora prima rispetto all’orario attuale. Dal 4 maggio entrerà anche in vigore il nuovo senso di marcia in via Cavour e via Calcagni che consentirà alle auto di proseguire la marcia da piazza Leopardi verso via Roma. Dalla prossima settimana, gradualmente e in seguito a un’adeguata progettazione da presentare in Regione, riprenderanno alcuni servizi, tra i quali quelli offerti dal Centro socio-educativo, dal Centro di aggregazione giovanile, nonché le assistenze domiciliari, grazie al coordinamento dell’Ufficio Servizi sociali. Le informazioni saranno tempestivamente comunicate. «Si comprende che siano operazioni da seguire con la massima attenzione, per garantire la sicurezza sanitaria e la qualità delle interazioni – commenta l’assessora alle Politiche Sociali, Paola Nicolini – La collaborazione tra uffici comunali, famiglie, utenti e gestori dei servizi sarà tutta indirizzata a questo scopo, che richiederà qualche giorno per mettere a punto tutte le procedure, nel rispetto delle disposizioni normative».

Riaprono i cimiteri a Recanati, il Comune dispone alcune regole per evitare il rischio di contagi. Le visite posso avvenire dalle 9 alle 12. Nel cimitero di via Dalmazia saranno consentiti ingressi esclusivamente pedonali, e per non più di 25 persone contemporaneamente per ciascuno dei due accessi aperti (l’ingresso principale e quello del cimitero nuovo. Il Comune poi consiglia di fare delle visite brevi: non più di 30 minuti. Inoltre chiede di rispettare le norme sul distanziamento, di usare la mascherina e di evitare assembramenti sia all’interno dei cimiteri che all’esterno, nel caso di eventuale attesa per il proprio turno di visita. Il Comune sottolinea inoltre che l’emergenza non è finita e che è importante il senso di responsabilità di ognuno anche per evitare di dover disporre una nuova chiusura.

Infinte grazie al calo delle richieste di emergenza,  il servizio della Protezione Civile, impegnato nella distribuzione casa per casa di medicinali,   generi alimentari e sacchetti della raccolta differenziata  verrà effettuato due giorni alla settimana: il giovedì e il sabato.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X