facebook twitter rss

Addio a Giuseppina Gobbi,
il grazie dei familiari
a medici e infermieri

MACERATA - Si è spenta al policlinico Gemelli di Roma dopo una terribile malattia. Aveva 66 anni. La benedizione sabato 28 marzo alle 15 al Centro funerario
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
1K Condivisioni

Giuseppina Gobbi

 

E’ morta dopo una lunghissima malattia Giuseppina Gobbi, 66 anni, di Macerata. Si è spenta a Roma, al policlinico “Gemelli” dopo aver lottato con tutte le forze contro il male che la affliggeva.I familiari, il marito Graziano Vagni e le figlie Samantha e Marika vogliono ringraziare quanti le sono stati vicini lungo il cammino di sofferenza che ha vissuto.

«In particolare vogliamo ringraziare il reparto di Oncologia dell’ospedale di Macerata, tutti i dottori, gli infermieri e i collaboratori nonchè il dottor Vittorio Paolucci che l’ha seguita con perserveranza l’ha seguita nelle cure e tutto il reparto di Ginecologia Oncologica del policlinico “Gemelli” di Roma del professor Giovanni Scambia che l’ha accolta dandole speranza, umanità e amore fino all’ultimo respiro. Ringraziamo anche il dottor Gabriele Maolo, la dottoressa Nadia Pasquali e il dottor Sauro Buongarzone che ci hanno aiutato in questa battaglia e gli infermieri del centro Adi e stomizzati. Noi e mamma vi porteremo sempre nel cuore».
Questo il ricordo delle figlie: «Mamma te ne sei andata nel silenzio ma in fondo il silenzio è stato sempre parte sostanziale della tua vita. Lasci un immenso vuoto nei nostri cuori che faremo fatica a riempire perchè il tuo è stato per noi un grande amore».La salma è composta nell’obitorio dell’ospedale capitolino ma la salma arriverà al Centro funerario Macerata domani (venerdì 27 marzo) alle 15. Il rito religioso della benedizione sarà celebrato all’interno della cappellina sabato 28 marzo alle 15.

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X