facebook twitter rss

«Il contenuto dei container è nel garage,
Casoni sollecitato a svuotarli già da agosto»

VISSO - Dopo la denuncia dell'ex presidente del comitato locale che lamenta la sparizione di beni di sua proprietà arriva la replica dell'attuale commissario: «Più volte gli abbiamo chiesto di portare via le sue cose»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
13 Condivisioni

 

David Celi, commissario della Croce rossa di Visso, replica all’ex presidente Giovanni Casoni che lo ha denunciato sostenendo che erano spariti beni di sua proprietà che aveva in due container della Cri. Celi ribatte invece che «il loro contenuto si trova a dieci metri di distanza, nel garage del Comitato» e che è stato spostato lì dopo che «Casoni già da agosto 2019 è stato ripetutamente invitato a procedere con la liberazione dei container, di proprietà della Croce rossa, che andavano spostati dall’area». Celi spiega che «oggetto della contesa sono due container ma di documentata proprietà di Croce Rossa, indebitamente occupati dall’ex presidente Casoni con materiale proprio al tempo del suo periodo in carica. Dal momento che l’area in cui sono posti doveva essere liberata perché oggetto di prossima attivazione dei lavori di ricostruzione post-sisma, il signor Casoni già a decorrere dal mese di agosto 2019 è stato ripetutamente invitato a procedere alla loro liberazione fino a giungere a una formale diffida. Il 30 gennaio, cinque mesi dopo, i due container sono stati spostati nella medesima area di circa 30 metri di cui non si può non notare la presenza, ma prima del loro spostamento con una gru, si è ritenuto opportuno riporre il loro contenuto nel garage del Comitato, a meno di dieci metri di distanza dal luogo, così da scongiurare eventuali danneggiamenti del materiale. Pertanto, l’ex presidente Casoni qualora sinceramente interessato, invece di optare per il processo mediatico, era sufficiente che rispondesse ai solleciti o che si presentasse a ritirare il materiale dov’è tuttora custodito ad occupare spazio nel garage del Comitato».

 

«Sparita merce dalla Croce rossa», denunciato il commissario di Visso

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X