facebook twitter rss

Centomila euro di corrente
per illuminare piantagione di marijuana:
condannato per furto di energia

POLLENZA - Giuliano Maccari era imputato al tribunale di Macerata, oggi la sentenza: sei mesi per aver utilizzato la corrente tramite un allaccio abusivo
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
319 Condivisioni

La piantagione di marijuana nell’abitazione di Maccari

 

Centomila euro di luce per coltivare mille piante di marijuana, corrente elettrica che però avrebbe succhiato tramite un allaccio abusivo: condannato il 59enne Giuliano Maccari, di Pollenza. La coltivazione di marijuana si trovava in quattro locali segreti, in cui si entrava passando dietro un armadio che stava nel garage dell’abitazione di Maccari. A scoprire la piantagione era stata la polizia. A parte che per la coltivazione, Maccari era finito nei guai anche per il costo dell’energia del mega impianto per riscaldare e far crescere le piante di marijuana. La questione è finita al vaglio di un processo che si è svolto davanti al giudice Daniela Bellesi del tribunale di Macerata. L’uomo, secondo l’accusa, sostenuta dal pm Francesca D’Arienzo si sarebbe impossessato di parecchia energia elettrica. E lo avrebbe fatto tramite l’allaccio diretto alla rete Enel su una cassetta di derivazione che si trovava sulla parete esterna dello stabile dove abita. Il motivo dell’allaccio era appunto quello di far funzionare i macchinari per la piantagione abusiva. Secondo l’accusa avrebbe sottratto 27mila euro di energia all’Enel servizio elettrico, 25mila euro alla Gdf Suez energie spa, e 45mila euro a Enel energia spa. Maccari era stato scoperto il 2 maggio del 2016. Difeso dall’avvocato Vando Scheggia, per la discussione sostituito dall’avvocato Marco Fabiani. Il legale ha chiesto l’assoluzione. Oggi la sentenza: l’uomo è stato condannato a 6 mesi al tribunale di Macerata per il furto di energia elettrica, la difesa ricorrerà in appello.

(Gian. Gin.)

Mille piante di marijuana coltivate in un locale segreto

“Fabbrica” di marijuana in garage, disoccupato in manette

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X