facebook twitter rss

Cade l’associazione a delinquere,
pene molto più basse in appello
Dimezzata la condanna di Perricciolo

SENTENZA - Il processo per l'indagine Nuovi orizzonti in primo grado aveva portato a condanne per oltre 120 anni di carcere ora ridotti a una 70ina. Dieci gli imputati, uno è stato assolto. Soddisfatte le difese
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
59 Condivisioni

Salvatore Perricciolo, ritenuto dall’accusa essere uno dei leader del presunto sodalizio

 

Si sgretola l’accusa di associazione per delinquere: pene in certi casi dimezzate e una assoluzione nel processo d’appello per l’indagine Nuovi orizzonti della Distrettuale antimafia di Ancona. Dieci erano gli imputati, la sentenza è arrivata in serata. Al tribunale di Macerata la sentenza aveva portato a pene per oltre 120 anni di carcere ma in appello sono state tutte fortemente ridotte dalla Corte d’appello di Ancona (e la somma ora è di circa 70 anni di carcere). Il motivo «È che è caduta l’accusa di associazione per delinquere finalizzata allo spaccio. Un argomento che sosteneva l’accusa ma che era sfornito di qualsiasi prova, a nostro parere. Si basava solo sulle dichiarazioni di un collaboratore di giustizia» dice l’avvocato Giancarlo Giulianelli dopo l’udienza.

L’avvocato Giancarlo Giulianelli

Due i presunti leader dell’associazione, secondo il teorema d’accusa. Si tratta di Salvatore Perricciolo (condannato in primo grado a 22 anni, mentre oggi la pena è stata ridotta a 11 anni, 3 mesi e 9 giorni) e Alessandro Petrolati (da 17 anni e 4 mesi e 20 giorni in primo grado a 8 anni e 10 mesi e 9 giorni). «La corte ha assolto tutti dall’ipotesi dell’associazione, conseguentemente questo ha avuto un riflesso sulle pene. I fatti sono stati ridimensionati e le condanne in certi casi dimezzate. Siamo molto soddisfatti, è passata la tesi della difesa» dice Giulianelli (legale di Petrolati). «Siamo contenti per questo risultato ma non è esaustivo – dice l’avvocato Domenico Biasco che assiste due degli imputati -. Ci riserviamo di valutare le motivazioni della sentenza, ritengo che ci siano stati comunque errori di calcolo, risultano ancora particolarmente alte le pene per alcuni imputati».

L’avvocato Domenico Biasco

Biasco assiste Daniele Cocchi (che era stato condannato a 4 anni in primo grado quando venne già assolto dalla contestazione di associazione per delinquere), che oggi è stato assolto con formula piena, e Mirco Calvari (condannato a 11 anni e 9 mesi in primo grado, oggi la pena è stata ridotta a 8 anni 4 mesi e 27 giorni). Per i dieci imputati il capo di imputazione parla, a vario titolo, di spaccio di droga (cocaina e hashish), di estorsioni, rapine, incendio, detenzione illecita di armi. L’indagine era della Direzione distrettuale antimafia di Ancona e riguardano fatti che sarebbero avvenuti tra il 2014 e il 2015. I fatti erano avvenuti sulla costa Maceratese e principalmente a Porto Recanati e Civitanova. Queste le altre sentenze: Mauro Darian Ballarini è stato condannato a 8 anni, 1 mese e 28 giorni, Vittorio Benignetti a 6 anni, 6 mesi, 28 giorni, Antonio Cascella a 6 anni, 11 mesi, 7 giorni, Antonio Corleto a 6 anni, 8 mesi, Davide Storlazzi a  10 anni, 3 mesi e 23 giorni. Per B. P., già assolto in primo grado dall’accusa di associazione per delinquere, confermata la condanna a 4 anni, 3 mesi e 10 giorni. Gli imputati erano difesi tra gli altri dagli avvocati Stefano Gregorio, Francesca Petruzzo, Caterina Ficiarà, Cristina Servi.

(Gian. Gin.)

(Ultimo aggiornamento alle 13)

 

 

Romanzo criminale sulla costa, condanne a oltre 120 anni

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X