Sequestrato autolavaggio:
lavoratori sfruttati,
c’era un dormitorio abusivo

MACERATA - Sospesa l'attività di corso Cavour gestita da un egiziano e da una romena. Uno dei dipendenti era clandestino
- caricamento letture

Autolavaggio_CorsoCavour_FF-2-650x433

 

 

Sequestrato un autolavaggio di Macerata, gestito da un egiziano e da una donna romena: sono stati trovati due lavoratori extracomunitari che erano impiegati in nero, uno di loro è clandestino (è stato rimpatriato). A scoprirlo i carabinieri nel corso di un controllo che è stato svolto lo scorso 30 novembre in corso Cavour dove si trova l’autolavaggio.

sequestro-autolavaggio-e1575482073551-325x349Oltre ai dipendenti irregolari, è stata riscontrata l’inottemperanza delle regole sulla sicurezza sui luoghi di lavoro, inoltre veniva scaricate le acque reflue dentro un tombino che convogliava nella fognatura. Inoltre è stato scoperto che il gestore dell’autolavaggio aveva ricavato all’interno alcuni vani in cartongesso, adibendoli a dormitorio per far dormire i dipendenti, in pessime condizioni igienico-sanitarie. E’ inoltre emerso che i lavoratori venivano impiegati in pessime e degradanti condizioni: pagati 2,50 euro l’ora, con turni da 12 ore e 7 giorni su sette. L’attività è stata sospesa. Indagine dei carabinieri del Nucleo ispettorato del lavoro e della Compagnia di Macerata.

Autolavaggio_CorsoCavour_FF-1-650x433

Autolavaggio_CorsoCavour_FF-4-650x433



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X