facebook twitter rss

Il Papa col caschetto,
preghiera al duomo
L’urlo della piazza: «Francesco»

CAMERINO - Il Pontefice si è fermato in preghiera davanti alla statua della Madonna decapitata a causa del terremoto. Emozione in piazza Cavour dove dai cellulari i presenti hanno seguito la visita alle casette. Ad attendere il Santo Padre anche il cardinale Menichelli
domenica 16 Giugno 2019 - Ore 09:53 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
2K Condivisioni

Il Papa col caschetto (Foto Falcioni)

 

dall’inviato Maurizio Verdenelli

Il Papa con il caschetto entra in duomo. Si è fermato a pregare davanti alla statua della madonna con la testa decapitata. Poco prima è arrivato in piazza a Cavour a Camerino dove è stato accolto dal grido «Francesco, Francesco». Poi insieme al vescovo Massara è entrato all’interno della chiesa danneggiata dal terremoto. Per precauzione ha messo il caschetto e si è fermato per pregare. Dopo è uscito dalla chiesa per andare a pregare con i sindaci del territorio. Arrivato questa mattina alle 8,37, ha visitato la zona delle casette per poi raggiungere il centro di Camerino, ancora zona rossa a tre anni dal sisma. Alle 9 piazza Cavour è già brulicante e in fervente attesa. Nei cellulari scorrono immagini del papa al villaggio Sae: «Ha dato la mano a tutti, a tutti». Nell’arcidiocesi eletta a “sagrestia” dell’evento confluiscono con le fasce tricolori i sindaci e i porporati,  il cardinale Edoardo Menichelli è il più gettonato dagli astanti. E lo chiamano «Ecco il cardinale di Ancona». E lui schernendosi con un gesto scherzoso delle mani: «No, no, sono di San Severino». Non si sbottona invece monsignor Brugnaro che si trincera dietro a «Ottime sensazioni» a chi gli chiede in particolare il suo pensiero. E tra i sindaci quello di Muccia Baroni ne approfitta per invitare tutti il 26 alla festa con Andrea Bocelli per l’inaugurazione della scuola media. Il rettore Unicam Claudio Pettinari: «Una bellissima festa, non solo religiosa. Mi aspetto molto da questo evento, soprattutto un nuovo approccio alla ricostruzione snellendo le pratiche. E un nuovo fascio di luce sulla crisi che deve essere risolta». Presente anche il vescovo emerito Francesco Brugnaro, e monsignor Antonio Napolioni (vescovo di Cremona, originario di Camerino).

In questa e a seguire: Foto di Fabio Falcioni



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X