Lo spacciatore dei vip al giudice:
«Avevo problemi economici,
vendevo a clienti selezionati»

CIVITANOVA - Arresto convalidato questa mattina in tribunale per Mario Azzurro, rimarrà ai domiciliari. Ha detto di essere stato avvicinato da alcune persone che sapevano delle sue difficoltà. Le consegne avvenivano direttamente a casa di chi comprava la droga
- caricamento letture

 

arresto-cocaina-civitanova

La droga sequestrata

 

di Gianluca Ginella

«Ho iniziato a spacciare perché avevo difficoltà economiche, sapendo dei miei problemi mi avevano avvicinato in uno dei locali dove avevo lavorato chiedendomi di vendere ad una clientela selezionata». Questo ha detto Mario Azzurro, 39 anni, durante l’udienza di convalida dell’arresto che si è svolta questa mattina al tribunale di Macerata. Il giovane resta agli arresti domiciliari.

alberto-feliziani-e1547473605734-625x650

L’avvocato Alberto Feliziani

Il pm ha insistito nel chiedere di modificare la misura con una in carcere. Azzurro, incensurato originario di Napoli, residente a Civitanova, ha un curriculum in cui compaiono lavori da cameriere e direttore di sala.

Però da cinque o sei mesi si era messo a spacciare cocaina. Il motivo, ha detto al giudice Giovanni Manzoni nel corso della convalida dell’arresto, è che aveva dei problemi economici e non aveva lavoro. Così è stato agganciato da persone che gli hanno proposto di spacciare cocaina a clienti vip. E infatti nella rubrica del cellulare del 39enne, che è al vaglio dei carabinieri, compaiono nomi di imprenditori conosciuti e di professionisti che da lui compravano la cocaina. Azzurro riceveva la droga e si occupava di consegnare a domicilio la droga, in case e appartamenti della Civitanova bene.

luciano-pacioni

L’avvocato Luciano Pacioni

Le mosse del giovane però non sono sfuggite ai carabinieri. I militari del Nucleo investigativo del Reparto operativo di Macerata hanno avviato una indagine in collaborazione con i colleghi della Compagnia di Civitanova. Poi giovedì della scorsa settimana hanno fermato Azzurro. Con sé aveva 5 grammi di cocaina, già divisi in dosi. A casa aveva altri 360 grammi di polvere bianca che avrebbe fruttato, una volta venduta, sui 35mila euro. Azzurro è difeso dagli avvocati Alberto Feliziani e Luciano Pacioni. Oggi il 39enne ha risposto alle domande del giudice nel corso dell’udienza di convalida. La difesa ha discusso a lungo con l’accusa per evitare un aggravamento della misura. Il giudice Manzoni ha convalidato l’arresto e confermato i domiciliari per il partenopeo.

 

Clienti vip della cocaina nella lista del 39enne arrestato

Spaccio di cocaina, arrestato 39enne



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X