facebook twitter rss

Operai nei cantieri sae, Cgil:
«Scadenze rispettate o sarà sciopero»

VISSO - Taddei e De Luca fanno il punto sulle trattative in corso con la ditta Marsili srl, dopo che i lavoratori dell'area Cesare Battisti 1 hanno incrociato le braccia lunedì. Chieste entro oggi visite mediche e dispositivi di sicurezza
venerdì 20 aprile 2018 - Ore 18:10 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Da sinistra Massimo De Luca e Daniel Taddei

Visite mediche e dispositivi di sicurezza entro oggi, ricalcolo delle buste paga e versamenti alla Cassa edile entro il 24 aprile, conguagli entro il 27 aprile. Oppure, sarà di nuovo sciopero. La Cgil di Macerata, a firme del segretario Daniel Taddei e del segretario Fillea Massimo De Luca, fa il punto della trattativa in corso con la ditta Marsili srl, che lavora nel cantiere Cesare Battisti 1 delle soluzioni abitative d’emergenza, a Visso.

Lunedì scorso gli operai, una ventina, avevano scioperato per 4 ore lamentando mancati pagamenti e infortuni non dichiarati (leggi l’articolo). Adesso, «in base agli accordi stabiliti e certificati da comunicazione pec della ditta stessa – spiegano Taddei e De Luca -, entro e non oltre martedì 24 aprile dovranno essere consegnati il ricalcolo delle buste paga, dall’assunzione al 31 marzo 2018, nel rispetto del Ccnl Edile e relativo Contratto Integrativo Territoriale, le denunce mensili corrispondenti e relativi versamenti in Cassa edile di Macerata dei mesi di gennaio, febbraio e marzo 2018». Poi, entro il 27 aprile, «la ditta provvederà ad effettuare i relativi conguagli relativi ai trattamenti retributivi, nonché i contributi previdenziali e i premi assicurativi, a tal riguardo si terrà un apposito incontro giovedì 26 aprile tra tutte le parti». Infine, entro oggi, «al personale che sta lavorando dovranno essere distribuiti i dispositivi di protezione individuali ed effettuate le visite mediche di idoneità al lavoro. Della situazione e degli impegni da espletare è stata informata formalmente anche la ditta Montagna Costruzioni srl, aggiudicataria dell’appalto, che è in continuo contatto con la ditta Marsilii srl per la verifica degli adempimenti avvenuti o in corso di esecuzione. Il mancato rispetto, anche parziale, degli accordi comporterà la ripresa dello stato di agitazione già proclamato in data 14 aprile 2018».

Giungla sae, 4 ore di sciopero: «Vogliamo essere pagati, lavorato anche 10 ore e nel fango»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X