Imprenditore dell’anno:
premio “Globalization”
per Adolfo Guzzini

RECANATI - Al presidente di iGuzzini il riconoscimento alla XXI edizione dell'appuntamento organizzato da EY per aver promosso "la cultura della luce per migliorare la qualità della vita sociale, senza tralasciare lo slancio all’internazionalizzazione dell’azienda"
- caricamento letture

adolfo-guzzini-premio

adolfo-guzzini-premio1-267x400

Adolfo Guzzini

 

Adolfo Guzzini, presidente di iGuzzini, è tra i vincitori della XXI edizione del premio EY “L’Imprenditore dell’Anno”. Il premio è riservato a imprenditori italiani alla guida di aziende con un fatturato di almeno 25 milioni di euro e che abbiano saputo creare valore, con spirito innovativo e visione strategica, contribuendo alla crescita dell’economia in Italia e nel mondo. Il vincitore assoluto dell’edizione 2017 è Remo Ruffini di Moncler, ma sono 9 i vincitori di categoria che hanno ottenuto l’importante riconoscimento in occasione della cerimonia tenutasi la sera del 9 novembre nella sede della Borsa di Milano. EY focalizza l’attenzione sulla globalizzazione assegnando il Premio Globalization, che quest’anno è stato consegnato a Adolfo Guzzini, “per gli sforzi profusi nell’utilizzare moderne tecnologie per arrivare ad un’innovazione globale, sia qualitativa che produttiva, dei sistemi di illuminazione; promuovendo la cultura della luce per migliorare la qualità della vita sociale, senza tralasciare lo slancio all’internazionalizzazione dell’azienda, conseguendo un vantaggio competitivo duraturo e sostenibile nel tempo”. Donato Iacovone, ad di EY in Italia e managing partner dell’area mediterranea, ha dichiarato: “La storia ultraventennale del premio dimostra come nel nostro Paese esista un tessuto imprenditoriale sano, capace di rinnovarsi, di superare anche i periodi più critici cogliendo i cambiamenti come opportunità, puntando su innovazione, ricerca e internazionalizzazione. I nostri dati mostrano che la fiducia del middle market italiano – tipiche del nostro tessuto imprenditoriale – è solida, con oltre la metà delle aziende (il 52%) che punta a una crescita tra il 6% e il 10% nel prossimo anno, un incremento significativamente maggiore rispetto alle previsioni globali della Banca Mondiale, pari al 2,7%”. Ad assegnare i premi la giuria, presieduta da Gianni Mion, presidente di Fila S.p.A. e di Space3 S.p.A., e composta da Alberto Baban, presidente della piccola industria di Confindustria e vicepresidente di Confindustria; Giampio Bracchi, presidente emerito fondazione Politecnico di Milano e Polihub; Guido Corbetta, professore ordinario di Corporate Strategy alla Bocconi di Milano; Linda Gilli, presidente e ad di Inaz srl; Marco Giovannini, presidente di Guala Closures spa; Monica Mandelli, managing director in KKR & Co. a New York e Paolo Scudieri, ad di Adler Plastic spa.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X