Caso di tubercolosi:
profilassi nel villaggio degli sfollati

TOLENTINO - A contrarre la malattia un uomo originario del Nord Africa appena arrivato in Italia. La moglie, da tempo residente in città, dopo il terremoto viveva in un container in via Colombo. Non ci sarebbero pericoli di contagio
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

villaggio-container-tolentino-6-650x488

Il villaggio dei container di Tolentino

 

Caso di tubercolosi, profilassi nel villaggio container degli sfollati. E’ successo a Tolentino nei giorni scorsi. A contrarre la malattia un uomo, originario del Nord Africa, che è da poco arrivato in Italia. La moglie vive e lavora già da tempo in città e dopo il terremoto era stata costretta a trasferirsi in via Colombo, dove è allestito appunto il villaggio con i container. Il marito è venuto nel nostro Paese per vivere con lei, solo che poco dopo essere arrivato, è stato scoperto che aveva contratto la tubercolosi. Così mentre lui è stato ricoverato all’ospedale di Macerata nel reparto di malattie infettive, nel villaggio dove viveva la moglie è stata effettuata la profilassi, come prevede la prassi in questi casi, per evitare contagi. A quanto risulta, non ci sarebbero pericoli del genere per la popolazione, e la situazione è costantemente monitorata. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X