Mariya, tragica fine:
la 19enne trovata morta

DRAMMA - La studentessa rinvenuta senza vita oggi pomeriggio a Cupramontana in un uliveto, a poca distanza dalla casa dove abitava. Si tratterebbe di un suicidio. Era scomparsa da domenica, le ricerche si erano estese anche ad Apiro
- caricamento letture

22450136_10210925645677124_6687137227683468938_n-650x365

 

foto1-1

Mariya Iskra

 

La notizia che nessuno avrebbe voluto apprendere è arrivata verso le 16 di oggi. Mariya, la 19enne scomparsa da Cupramontana domenica scorsa, è morta (leggi l’articolo). Si è tolta la vita impiccandosi nelle campagne del paese, vicino all’eremo dei Frati Bianchi e alla gola del corvo. Nel pomeriggio è tornato a sorvolare la zona anche l’elicottero dei vigili del fuoco di Pescara. Il tragico gesto è stato consumato non troppo lontano dalla abitazione di residenza della ragazza. Da questa mattina alle 7 diverse squadre della protezione civile, di Jesi, di varie località della Vallesina  ma anche di Osimo e Castelfidardo, erano state coinvolte nelle battute sul territorio di Cupra dalla sala operativa regionale nelle ricerche della studentessa. Con i carabinieri ed i vigili del fuoco hanno lavorato il nucleo cinofili di Jesi. Sono stati ricontrollati campi e vigne, casolari disabitati e dirupi, fino alla tragica scoperta che ha cancellato a familiari e amici ogni speranza di riabbracciare la ragazza e che ha fatto scendere più di una lacrima anche sul volto di chi la stava cercando da giorni.

Ore 19,35 – Il corpo senza vita della ragazza è stato trovato nell’uliveto nella discesa dei Frati Neri che conduce all’Eremo dei Frati Bianchi, a poca distanza dalla strada e dalla casa dove abitava con la madre. A qualche centinaio di metri dal boschetto di ulivi il cane molecolare nei giorni scorsi aveva fiutato una traccia della ragazza. Il cane si era fermato nei pressi dell’Ufficio postale di Cupramontana e proprio le telecamere delle Poste hanno ripreso in pochi fotogrammi la 19enne che domenica pomeriggio si allontanava dal paese correndo. Dopo il ritrovamento Mariya indossava ancora gli abiti e la sciarpa con i quali era uscita di casa e da una prima analisi della scena gli investigatori non avrebbero rilevato segni di colluttazione o gesti di violenza. Tutto fa pensare a un gesto volontario, le indagini però vanno avanti. Dopo una sommaria ricognizione svolta sul posto dal medico legale, la salma è stata trasferita all’obitorio dell’ospedale regionale di Torrette, dove con ogni probabilità sarà espletata l’autopsia , se il Pm incaricato delle indagini la disporrà. L’esame necroscopico potrebbe aiutare a fugare gli ultimi dubbi e a far luce sui contorni ancora oscuri di una vicenda, avvolta da troppo silenzio. Sembra invece svelato il mistero delle foto macabre inviate sul telefonino dell’amica di Mariya. Sarebbero state spedite da un conoscente della ragazza 19enne, trovata senza vita, le istantanee ricevute da Sara durante la trasmissione serale di mercoledì scorso di ‘Chi l’ha visto?’. Pare che provengano dal cellulare di un uomo che lei aveva conosciuto durante un ricovero.

Ore 20.37 – “Purtroppo Mariya non è più tra noi. In questi momenti di sconforto e di profondo dolore rivolgiamo un forte e commosso ‘abbraccio’ alla mamma, alla famiglia Dottori e a tutti i familiari”. Con queste parole affettuose il sindaco di Cupramontana, Luigi Cerioni ha espresso il cordoglio della comunità che guida per la notizia della morte della 19enne, studentessa modello che soffriva da qualche tempo di depressione.

Ore 21.15 – Per fugare ogni sospetto il magistrato ha disposto l’autopsia sul corpo della ragazza, ma non è ancora stata fissata una data. L’esame sarà fondamentale anche per risalire all’ora precisa del decesso.

(servizio aggiornato alle 21,15)

22473463_1378211538962841_202151384_o-650x366

ricerche-mariya-1-650x418

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X