In marcia per l’ospedale:
“Tutelare il diritto alla salute”

RECANATI - Manifestazione per evitare lo smantellamento parziale del Santa Lucia previsto dalla riforma sanitaria. Il comitato: "Le adesioni si moltiplicano". Con i cittadini diversi sindaci del territorio e politici
- caricamento letture
comitato-pro-ospedale

La manifestazione per l’ospedale

In marcia per difendere l’ospedale di Recanati. Domani si svolgerà la manifestazione di protesta contro la riforma sulla sanità che priva Recanati di un punto di emergenza e trasforma la struttura in ospedale di comunità, o meglio in una semplice casa di riposo. “Una manifestazione, che malgrado il tentativo di alcuni di etichettarla come politicizzata nasce dalla gente comune, da chi ha a cuore i propri diritti, a cominciare da quello della tutela alla salute – spiega il comitato per la difesa dell’ospedale Santa Lucia -. Le adesioni si moltiplicano di ora in ora e dimostrano come ci sia un interesse generale e trasversale al mantenimento dei servizi sanitari fondamentali”. L’ultima in ordine di tempo è quella del sindaco di Montelupone, Rolando Pecora, che ha definito vitale, oltre che logico, il mantenimento del pronto soccorso a Recanati nell’attuale emergenza post terremoto. “Ritengo che la chiusura del punto di primo intervento del Santa Lucia sia da evitare”, ha sottolineato il primo cittadino. Insieme a lui hanno aderito i sindaci di Potenza Picena, Montefano, Cingoli, Porto Recanati, Castelfidardo, i consiglieri regionali Sandro Bisonni, Sandro Zaffiri, Elena Leonardi, Gianni Maggi. In prima fila tutti i volontari dell’associazione Avulss di Recanati, la cooperativa Terra e vita, le ditte argentiere Valenti e Ottaviani, la Confartigianato di Recanati e una delegazione guidata da Mustafà Diop dell’Hotel House, il conte Vanni Leopardi, lo Spi-Cgil di Recanati e la Fp- Cgil di Macerata. Hanno inoltre aderito i comitati pro ospedale di San Severino e, cosa significativa, di Civitanova.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X