facebook twitter rss

Tragedia all’hotel Rigopiano,
tra i dispersi c’è un maceratese

DRAMMA - Marco Tanda, 25 anni, di Castelraimondo, pilota della Ryanair, è nella lista dei 20 ospiti dell'albergo sepolto ieri da una slavina. Con lui la fidanzata, Jessica Tinari, originaria di Lanciano
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
0 Condivisioni

 

 

 

Marco Tanda con la divisa della Ryanair

AGGIORNAMENTO – Tra i dispersi anche Emanuele Bonifazi, 31enne di Pioraco, dipendete dell’hotel Rigopiano (leggi l’articolo). 

di Gianluca Ginella

C’è anche un giovane originario del Maceratese tra i 20 dispersi dell’albergo Rigopiano di Farindola, in provincia di Pescara, sepolto da una slavina. Si tratta di Marco Tanda, 25 anni (26 il prossimo marzo), nato a Macerata ma che ha sempre vissuto tra Selvalagli di Gagliole e Castelraimondo (da alcuni anni abita a Roma), pilota della Ryanair che da ieri era ospite dell’albergo insieme alla sua fidanzata, Jessica Tinari, 25 anni, nata a Lanciano e residente a Chieti. I nomi dei due ragazzi fanno parte della lista delle 20 persone che risultano essere disperse nel crollo dell’albergo di Rigopiano.

I nomi dei due ragazzi fanno parte della lista delle 20 persone che risultano essere disperse nel crollo dell’albergo di Rigopiano. Tra questi anche una coppia di Castignano (Ascoli), Marco Vagnarelli e Paola Tomassini (originaria di Montalto), oltre alla famiglia che vive a Osimo (leggi l’articolo): un poliziotto, Domenico Di Michelangelo, 41 anni, nato a Chieti, e della moglie, Marina Serraiocco, commerciante di 37 anni, nata a Popoli. Con loro c’era anche il figlioletto. La famigliola stava trascorrendo una vacanza sulla neve. Al momento sono in corso le ricerche da parte dei soccorritori. La polizia ha una lista di 20 ospiti che erano registrati all’hotel più 7 o 8 persone che erano dipendenti della struttura.

Marco Tanda con la sua fidanzata, Jessica Tinari

Marco Tanda risulta essersi registrato ieri in hotel per una vacanza sulla neve. Al momento lui e la fidanzata risultano dispersi. I soccorritori descrivono una situazione drammatica. Ieri l’albergo è stato travolto da una valanga che si sarebbe staccata a causa delle bufere di neve e delle scosse di terremoto. I soccorritori che sono riusciti a raggiungere l’albergo dicono che è stato letteralmente spazzato via dalla valanga. Il timore è che sotto le macerie e la neve ci possano essere molti morti. Due persone sono state trovate vive.

(servizio in aggiornamento)

 

 

L’Hotel Rigopiano, nel riquadro Marco Tanda

Gli uomini del Soccorso alpino all’hotel Rigopiano

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X