Liberalizzazione della cannabis,
le ragioni del no

CIVITANOVA - Incontro nella città alta per la proposta di legge. L'iniziativa è stata organizzata dalle associazioni "Veder Crescere con il Dialogo” e “APS Sentinelle del Mattino” sotto il marchio di "CitaNo alla droga"
- caricamento letture
incontro-droga

L’incontro a Civitanova Alta

 

L'avvocato Giuseppe Bommarito

L’avvocato Giuseppe Bommarito

 

Incontro informativo per dire no alla proposta di legge per la liberalizzazione della cannabis. Se n’è parlato qualche sera fa a Civitanova Alta nell’ambito delle iniziative proposte dalle associazioni “Veder Crescere con il Dialogo” e “APS Sentinelle del  Mattino” sotto il marchio di “CitaNo alla droga”. I relatori della serata hanno fatto il punto sulla proposta di legge che prevederebbe la depenalizzazione del possesso di marijuana per uso personale e ricreativo e l’autocoltivazione. L’incontro è stato aperto da Andrea Foglia, referente dell’associazione “Veder Crescere con il Dialogo”, ideatore e promotore del progetto “CitaNo alla Droga” che, dopo una breve descrizione della proposta di legge n.3235, firmata trasversalmente da 222 deputati e 71 senatori, ha passato la parola ai due esperti che hanno motivato le ragioni del “no”. Il testo di legge è stato presentato quasi un anno fa su iniziativa del senatore e sottosegretario agli Esteri, Benedetto Della Vedova, promotore dell’intergruppo per la legalizzazione della cannabis. 
L’avvocato Giuseppe Bommarito, presidente dell’Associazione “Con Nicola oltre il deserto dell’indifferenza” è stato il primo a prendere la parola, motivando le sue ragioni e ha ribadito l’importanza di creare una rete per mandare un messaggio univoco contro la droga, dato che uno dei problemi attuali è la contrapposizione ideologica di cui i giovani sono preda. Bommarito ha parlato d’ipocrisia esortando, soprattutto da parte delle famiglie, a non far finta che il problema non esista, a prendere l’iniziativa e parlare con i propri figli se si notano i primi segni. Tra i relatori anche Giorgio Barbacelli, medico chirurgo specialista in anatomia che ha spiegato da un punto di vista medico i pericoli e gli effetti che queste droghe hanno sull’organismo umano e le conseguenze ipotizzabili in un contesto di libera diffusione.

Giorgio Barbatelli medico chirurgo dell'associazione Sentinelle del mattino

Giorgio Barbatelli medico chirurgo dell’associazione Sentinelle del mattino



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X