Sorpreso in una casa, fugge sul tetto
e minaccia di buttarsi giù

CIVITANOVA - E' successo alle 15 in una palazzina di corso Umberto I. Arrestato un 30enne. Due ragazze hanno denunciato il furto. Arrivata la proprietaria è stato controllato anche il suo appartamento. Nell'abitazione c'era un abusivo che ha tentato la fuga. Aveva dormito, mangiato e si era fatto la doccia nella proprietà privata
- caricamento letture

 

L'intervento dei carabinieri in corso Umberto I

L’intervento dei carabinieri in corso Umberto I

 

Il portone in corso Umberto I

Il portone in corso Umberto I

 

di Laura Boccanera

(Foto Federico De Marco)

Chiamano i carabinieri per un furto in un appartamento e trovano un intruso in una abitazione vicina che cerca di sfuggire scappando sul tetto. E’ successo alle 15 in una palazzina di corso Umberto I, vicino al negozio di Rosanna Nicolai. L’uomo, un 30enne di origine marocchina, K. Z., è stato arrestato. Dopo un furto subito in casa da due ragazze, il 30enne, clandestino, è stato trovato in un appartamento vicino, nello stesso immobile. La palazzina è di proprietà di una donna di Macerata che ci abita saltuariamente e da due giorni è stata affittata, per il primo piano, a due giovani di Bari. Una di 27 anni e l’altra di 25 anni. Arrivate ieri sera, le giovani erano poi uscite. Attorno alle 4 sono rientrate e hanno scoperto il furto. Qualcuno si era introdotto all’interno dell’appartamento e, in loro assenza, avevano forzato l’ingresso sul retro.

Il tetto dove si era rifugiato l'intruso

Il retro della palazzina

La palazzina confina con la ferrovia e dà su un giardino dove agevolmente si può accedere al primo piano. Il ladro ha forzato la porta ed è entrato. Rubato un pc, un televisore, alcuni oggetti in oro e anche abiti firmati. Sconvolte le ragazze hanno denunciato l’episodio ai carabinieri e sul posto è arrivata anche la proprietaria dello stabile e la mamma di una delle giovani direttamente da Bari. I militari e la proprietaria sono entrati nell’appartamento al secondo piano, dove ci abita saltuariamente la donna, per appurare che non mancasse nulla. Qui la sorpresa: nell’edificio qualcuno, approfittando di qualche giorno di assenza dei proprietari, aveva bivaccato e occupato l’appartamento dormendo sul letto della camera patronale, approfittando della doccia e bevendo perfino spumante. L’intruso, che all’arrivo dei militari si è nascosto sul sottotetto, ha cercato di scappare senza farsi vedere. Le inquiline però hanno sentito dei rumori. La proprietaria ha riaperto la porta e ha visto un’ombra scappare via. Così sono tornati i carabinieri che hanno trovato l’abusivo aggrappato sul cornicione del tetto. Voleva buttarsi giù per sfuggire ai controlli. I militari hanno provato a convincerlo a costituirsi. Poco dopo è sceso ed è stato portato in caserma per essere identificato. I carabinieri hanno trovato un borsone, in suo possesso, con merce rubata.

La palazzina

Il giardino sul retro che confina con la stazione

“E’ una vergogna – commenta la proprietaria della palazzina – non si può più stare tranquilli, confiniamo con la ferrovia e tutti sanno che schifo c’è qui dietro, rom, abusivi e senza tetto. Civitanova è molto peggiorata. Sono stata qui fino a domenica scorsa, sarei tornata per Ferragosto, poi oggi scopro che in mia assenza qualcuno ha fatto gli affari suoi in casa mia, la doccia e c’è anche la sagoma sul letto”. Sconvolta anche la mamma di una delle due ragazze, arrivata questa mattina da Bari: “Mia figlia mi ha chiamato raccontandomi quanto era successo, in panico per l’accaduto e sono corsa qui. Si era trasferita solo ieri, sono 3 mesi che sta qui a Civitanova in albergo e pensava che in un appartamento sarebbe stata più tranquilla. Credevo che a Bari ci fossero problemi per la criminalità ma in realtà siamo più sicuri, qua è peggio”. L’uomo è stato arrestato, è accusato anche del furto. I carabinieri proseguono le indagini per capire se possa essere anche l’autore di un altro furto avvenuto in città. Contestata anche l’occupazione abusiva di edificio.

(Servizio aggiornato alle 17,40)

refurtiva trovata

La refurtiva trovata nel borsone del 30enne

 

furto corso umberto civitanova5

 

 

furto corso Umberto I appartamento



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X