Dice il falso per restare in Italia,
pakistano finisce nei guai

MACERATA - L'uomo aveva dichiarato di essere residente a Civitanova e in questo modo aveva tratto in inganno i dipendenti dell'Ufficio immigrazione che gli avevano rinnovato il permesso di soggiorno
- caricamento letture
Foto d'archivio

Foto d’archivio

Ottiene il rinnovo del permesso di soggiorno con una autocertificazione in cui diceva di avere la residenza a Civitanova: in questo modo un pakistano è riuscito ad ingannare l’ufficio immigrazione di Macerata. Ma l’uomo è stato scoperto e ora è indagato per falso. L’indagine è stata svolta dagli uomini della sezione di Pg della polizia in forza alla procura di Macerata e coordinata dal pm Cristina Polenzani e rientra nei controlli relativi alle istanze di cittadini extra Ue che cercano di ottenere l’iscrizione del registro dei residenti. Il pakistano, da quanto emerso nel corso dell’indagine, era riuscito ad ingannare il personale dell’Ufficio immigrazione presentando documentazione in cui attestava di aver ottenuto la residenza a Civitanova. Il fatto che avesse la residenza aveva fatto sì che gli uffici gli rinnovassero il permesso di soggiorno. Le indagini hanno consentito di scoprire che la documentazione presentata era falsa e all’uomo è stato revocato il permesso di soggiorno.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 1
Elezioni =