Neonata trovata morta nel sacchetto:
non ha tratti somatici europei
Aperto fascicolo per aborto illegale

CIVITANOVA - (VIDEO) E' quanto emerge sul ritrovamento di ieri in via Dalmazia, nel condominio conosciuto come Palazzo Pistilli, dopo l'ispezione esterna eseguita sul corpicino, questa mattina all'ospedale, dal medico legale Antonio Tombolini. L'autopsia verrà effettuata dopo Natale. Chiesto anche l'esame del Dna. Il parto sarebbe stato naturale, aiutato da mani esperte. Non si esclude che sia stato indotto da farmaci. Nella busta rinvenuti anche campioncini di profumo. Al momento non ci sono indagati
- caricamento letture
Il video di via Dalmazia dove è stato trovato il sacchetto con la neonata morta
La cassettina metallica contenente il corpicino della neonata portato via da via Dalmazia

La cassettina metallica contenente il corpicino della neonata portato via dalla palazzina

 

La busta marrone sopra il davanzale e le buste bianche dove è stata messa la neonata trovata morta

La busta marrone sopra il davanzale con le buste bianche dove è stata messa la neonata trovata morta

di Marina Verdenelli

(foto e video Federico De Marco)

Era una bimba, prematura di circa 5 mesi, dai tratti somatici non riconducibili ad origini europee, di pelle chiara. Sarebbe nata da un parto naturale, viva ma poi morta subito. Forse un parto indotto da farmaci. Sul corpicino non sono emersi traumi per una nascita forzata. E’ quanto emerge sulla neonata rinvenuta ieri a Civitanova, in via Dalmazia (leggi l’articolo), nel condominio conosciuto come Palazzo Pistilli, dopo l’ispezione esterna eseguita questa mattina all’ospedale di Civitanova Alta dal medico legale Antonio Tombolini. L’autopsia verrà effettuata dopo Natale e al momento è stata sospesa. Sul feto verrà fatto anche l’esame del Dna. Dai primi risultati ottenuti da un esame esterno sul corpicino, arriva la conferma che è una femmina di circa 5 mesi, sana. Era già formata, grande come il palmo di una mano di un uomo adulto. Da come è stata trovata sarebbe venuta al mondo con l’aiuto di qualcuno esperto nei parti che però non ha utilizzato strumenti chirurgici. Il cordone ombelicale sarebbe stato reciso forse da un coltello o da un paio di forbici comuni. La bambina è stata pulita e posta in tre buste di plastica bianca, una dentro l’altra. Poi è stata messa in una bella busta marrone, di una boutique di Macerata, come se fosse un regalo. Dentro c’erano anche dei campioncini di profumo. La procura di Macerata ha aperto un fascicolo a carico di ignoti. Titolare dell’inchiesta il pm Claudio Rastrelli momentaneamente sostituito in questi giorni dal collega Luigi Ortenzi. L’ipotesi di reato è l’interruzione di gravidanza al di fuori delle modalità e delle condizioni previste dalla legge. Un aborto illegale. I campioncini di profumo sono ora al vaglio degli inquirenti. Particolari che potrebbero ricondurre alla madre. Le due 15enni che ieri hanno aperto il sacchetto sotto il porticato della palazzina di Civitanova sono state sentite fino a tarda serata in Commissariato, alla presenza dei loro genitori.

La scala che conduce al condominio di via Dalmazia

La scala che conduce al condominio di via Dalmazia

La prima ad uscire dal Commissariato di Civitanova, attorno alle 23, in compagnia del padre, dello zio e di una donna, è stata l’amica della ragazzina che avrebbe trovato il sacchetto marrone a Trodica di Morrovalle, su una panchina vicino alla fermata del bus. L’altra è stata ascoltata fino a mezzanotte inoltrata. Le due amiche erano solite frequentare lo stabile di via Dalmazia. Lì hanno un ritrovo con i loro amici. Ieri non erano sole quando hanno aperto il sacchetto, appoggiato sul davanzale di uno degli appartamenti che compongono lo stabile. C’erano anche altri ragazzini. Un po’ tutti hanno visto cosa conteneva la busta. Il porticato è dotato di telecamere i cui filmati sono stati ora acquisiti dalla squadra mobile di Macerata che conduce le indagini insieme al Commissariato di Civitanova. Sono al vaglio della polizia anche altre telecamere, in provincia, che potrebbero chiarire il ritrovamento della busta da parte della minore. Continua la ricerca anche nei pronto soccorso della provincia e della regione per vedere se ci sono state donne ricoverate per problemi post parto.

Sul posto anche la scientifica

Sul posto anche la scientifica

L'accesso allo stabile di via Dalmazia

L’accesso allo stabile di via Dalmazia

Il porticato

Il porticato

ritrovamento feto - corso dalmazia - civitanova (13)

Il davanzale (quello sopra la scritta rossa) dove è stata appoggiata la busta



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X