Prende a picconate l’auto del rivale,
folle gesto di gelosia

SARNANO – Un giovane romeno, spalleggiato dal fratello, ha distrutto due vetture di proprietà di un sarnanese: una usando un piccone, mentre sulla seconda ha lanciato contro una Ape car
- caricamento letture
Foto d'archivio

Foto d’archivio

 

di Marco Cencioni

Raptus di gelosia, distrugge a picconate un’auto e scaglia una Ape car contro un’altra vettura. Tutti e tre i veicoli sono dello stesso proprietario. Autore del gesto un giovane romeno che, assieme al fratello, è entrato in azione nella notte fra sabato e domenica, intorno alle 3, a Sarnano. A scatenare l’ira dell’uomo è stata la gelosia, nata dal fatto che la sua compagna lavora come badante a casa dei genitori del proprietario delle auto danneggiate. Il romeno, che lavora a Sarnano, dopo aver trascorso la serata insieme al fratello, a notte fonda ha deciso di compiere una vera e propria spedizione punitiva, che si è sviluppata in due fasi. Prima i fratelli si sono recati davanti all’abitazione dove vive il sarnanese, in pieno centro. Lì hanno sollevato con le braccia l’Ape car del rivale e l’hanno catapultata sul tettuccio dell’altra vettura, parcheggiata proprio di fianco. Poi si sono recati nella casa dove risiedono i genitori del sarnanese, in una frazione poco fuori Sarnano. Individuata l’automobile dell’uomo, appena acquistata, il giovane romeno l’ha presa a picconate, danneggiandola completamente. Rotti i vetri, distrutta la carrozzeria. Sul posto, allertati dai vicini che si sono svegliati a causa del rumore e che hanno assistito alla scena impauriti, sono intervenuti i carabinieri della locale stazione i quali, dopo aver raccolto le testimonianze, non hanno impiegato molto ad individuare i colpevoli. I due ragazzi avevano già lasciato il luogo dell’accaduto, ma sono stati subito rintracciati e denunciati per danneggiamento.

(Servizio aggiornato alle 12,30)

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X