Civitanovese, i tifosi dopo il fallimento
“Presa in giro un’intera città”

LA REAZIONE - I supporter rossoblu parlano dopo l'amaro epilogo della società. Stefano Paolini: "L'importante era sbarazzarsi di questi individui". Odoardo Bigoni: "Il mio cuore piange ma non ho visto mai una gestione peggiore di questa"
- caricamento letture
I tifosi della Civitanovese al Polisportivo

I tifosi della Civitanovese al Polisportivo

Stefano

Stefano Paolini, storico tifoso della Civitanovese

di Maikol Di Stefano

“Sono felice per il fallimento, anche se un fallimento, lo dice la parola stessa, è una cosa non bella”. A parlare è Stefano Paolini, tifoso storico della Civitanovese e proprietario di un salone da uomo, dove negli anni costantemente si sono alternati sotto le sue mani tifosi e tesserati della Civitanovese. Un luogo sacro dove sono tutt’ora presenti sulle pareti cimeli degli anni d’oro dei rossoblu. “L’importante era sbarazzarsi di questi individui – continua Paolini – che dopo tutto quello che hanno combinato a Civitanova meriterebbero la galera. La cosa che dispiace è che sono svaniti nel nulla quasi 100 anni di gloriosa storia calcistica cittadina e direi che non è cosa da poco. Ora però bisogna subito rimboccarci tutti le maniche, ripartire di nuovo a testa alta con l’augurio che Cerolini o chi per lui acquisti il titolo. Poi vedremo da dove si ripartirà, l’importante secondo me è ripartite puliti con le idee chiare di quello che si vuol fare”. Una situazione surreale quella civitanovese, dove l’entusiasmo per essersi liberati della figura di Luciano Patitucci è addirittura superiore al dispiacere per il fallimento della società. A Civitanova l’oramai ex patron romano era ritenuto dai tifosi ingombrante e non adatto alla causa rossoblu. “Il fallimento era la cosa più ovvia e nello stesso tempo alquanto inevitabile – fa eco alle parole di Paolini anche Odoardo Bigoni, trentenne ultras della Civitanovese. – Anche se questo fallimento mi fa piangere il cuore come ovvio che sia, ma la realtà è che non si è mai avuta una gestione peggiore di questa”.

Marta Bitti

Marta Bitti

C’è anche dell’ottimismo però tra i tifosi, infatti la fine dell’era Civitanovese, se pur dolorosa può essere il trampolino per l’inizio di una nuova vita societaria. “Dopo 96 anni di storia il fallimento non è una bella cosa, ma è sta la miglior decisione. – spiega Pamela Perugini giovane tifosa rossoblu da generazioni – Piuttosto che continuare con gente poco seria e non di Civitanova, la quale ha giocato nel prendere in giro un’intera città, oltre a staff tecnico e giocatori. Auguro che la storia della Civitanovese sia gloriosa come merita, ma che non accada mai più quello che abbiamo permesso negli ultimi due anni. Forza vecchio cuore rossoblu!”. Sarà con tutta probabilità Giuseppe Cerolini il nuovo volto della Civitanovese, l’uomo che dovrà essere in grado di ridare futuro e dignità ad una piazza massacrata dalla scellerata gestione Patitucci – Bresciani. Una gestione che da vicino l’ha vista anche Marta Bitti, l’ex addetta stampa che parla oggi da tifosa: “Sono estremamente dispiaciuta per il triste epilogo toccato in sorte ad una gloriosa società della quale con estremo orgoglio ho vestito i colori e difeso l’onore fin quando mi è stato possibile, nei limiti dettati dalla mia breve esperienza e nel contempo dalla mia etica professionale. – racconta la Bitti – Sinceramente auguro alla città e a tutti i suoi appassionati tifosi di poter presto alzare lo sguardo oltre la nube di negatività e tristezza che da mesi aleggiava nell’ambiente, per ricostruire insieme a chi ha veramente a cuore questa causa un futuro sano e solare, che faccia tornare l’entusiasmo nel “vecchio cuore rossoblù” che non smetterà mai di battere forte in ognuno di loro”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X