Il cimitero cade a pezzi,
un cittadino scrive al sindaco

MACERATA - In una lettera indirizzata al primo cittadino Romano Carancini, Oberdan Meldolesi segnala il declino dell'area: "Muri con intonaco mancante o cadente, pilastrini pericolanti, vetri rotti e fanghiglia al piano terra. Il mendicante all'ingresso agisce ancora indisturbato nonostante un regolamento lo vieti"
- caricamento letture
L'intonaco delle colonne che perdono pezzi al cimitero di Macerata

L’intonaco delle colonne che perdono pezzi al cimitero di Macerata

(foto di Guido Picchio)

Cornicioni, pericolanti, intonaco cadente, vetri rotti e porte danneggiate. Il cimitero di Macerata mostra tutti i segni del tempo. La struttura cade a pezzi mentre abbandono e degrado prendono il sopravvento. A segnalare la rovina in cui sta versando l’area è un lettore, Oberdan Meldolesi, che in una lettera dettagliata inviata al primo cittadino Romano Carancini fa un lungo elenco dei danni causati dal tempo e dall’incuria. Una lista di urgenze, che parte dall’ingresso all’area, a cui provvedere per rendere l’area più sicura oltre più decorosa. «Ai lati del viale dell’ ingresso nuovo – scrive Meldolesi – è possibile notare muri con vaste porzioni di intonaco mancante e, o cadente, pilastrini in muratura con la parte superiore pericolante, a ridosso dei quali, qualcuno previdente ha delimitato con transenna la porzione di passaggio. Quasi tutte le porte a vetri dei blocchi nuovi risultano con la molla di chiusura automatica rotta e pertanto a causa del vento, soprattutto di questi ultimi giorni, sbattono violentemente provocando anche la rottura dell’intero cristallo (due o tre porte) con spaccature sul vetro pericolose perché ad altezza d’uomo. Inoltre non impediscono l’ingresso di acqua, polvere e quant’altro – quasi sempre semi allagato con fanghiglia il piano terra del primo blocco –  e creano disagio (freddo e vento) a chi vi si reca per rendere omaggio ai propri cari defunti. Ed ancora, più di una porta, è abbellita con filo di ferro al posto della maniglia mancante».

mendicante

Il mendicante di stanza all’ingresso est del cimitero

Un declino che è già intuibile dalle condizioni dell’ingresso dove già a partire dai cancelli, il nostro lettore fa notare lo stato di abbandono dell’area: « Il cancello d’ingresso principale, fratello di quelli politici di piazza Annessione, a differenza di questi necessiterebbe solo di una passata di carta vetrata una mano di vernice. Ora che è stata finalmente regolarizzata la viabilità della zona con semafori, attraversamento pedonale e scala con scivolo, segnalo la pericolosità della scala di accesso situata più a valle, i cui gradini, o meglio ciò che rimane di questi, creano pericolosità a chi la utilizza». Infine Meldolesi si concentra sul rispetto dell’area, frequentata nei giorni festivi e pre festivi da un mendicante di stanza al cancello d’ingresso già segnalato da un altro cittadino alla redazione di CM (leggi l’articolo).«Per il decoro e il rispetto del luogo riprendo per concludere la segnalazione fatta a Cronache Maceratesi poco tempo fa, da un cittadino che lamentava la presenza di un mendicante, falsamente disabile, all’interno del cimitero o a ridosso del cancello di ingresso nonostante un regolamento lo vieti. Aggiungo che questi indisturbato ogni giorno festivo, o semi festivo, o quando vuole seguita tale attività, munito di seggiolina con cuscino, finta stampella e via dicendo. Fidando che tali segnalazioni vengano prese in considerazione soprattutto da chi deve provvedere all’ordinaria manutenzione, indubbiamente meno costosa rispetto a soluzioni rimandate al futuro si invitano l’assessore, il dirigente e quanti altri preposti a verificare quanto specificato».

Le pareti del cimitero

Le pareti del cimitero

Il cimitero di Macerata

Il cimitero di Macerata

 

Una maniglia rotta

Una maniglia rotta

Cimitero Macerata (3)

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X