Urbanistica, Eurospin e incompiuta Longarini
Tacconi scatenato in Consiglio e su Facebook

MACERATA - Il capogruppo dell'Udc interrogherà l'amministrazione: "La commissione Ambiente non si è riunita un po' troppo spesso? Chi ha pagato le corsie di canalizzazione per il supermercato in via dei Velini?". Posta le foto dei piloni della strada mai realizzata e ammonisce: "Le nuove generazioni devono sapere che c'era un progetto fatto dalla Democrazia Cristiana". L'assise cittadina tornerà a riunirsi lunedì e martedì
- caricamento letture
Il capogruppo Udc Ivano Tacconi

Il capogruppo Udc Ivano Tacconi

In attesa di conoscere quale sarà la posizione dell’Udc alle prossime elezioni regionali e comunali, Ivano Tacconi, il capogruppo in Consiglio comunale a Macerata si scatena e solleva questioni spinose con tutti gli strumenti a disposizione, dalle interpellanze ai social. Il decano dei consiglieri, infatti, nella prossima riunione dell’assise cittadina che si svolgerà lunedì e martedì, interrogherà l’amministrazione sulle spese delle commissioni consiliari e chiede di ciascuna i costi, il numero di riunioni effettuate e le delibere di Consiglio e  giunta all’attivo della legislatura in corso. «Mi sembra che la commissione Ambiente e Territorio abbia fatto gli straordinari – spiega Tacconi – e per di più continua ad essere presieduta da Carelli nonostante non faccia più parte del Pd».
Tacconi non si ferma qui e chiede lumi sulle due corsie di canalizzazione in via dei Velini, al bivio per il nuovo complesso Eurospin: «Chi sono i proprietari del terreno occupato e quali costi l’amministrazione o eventuali possessori hanno sopportato?».

I pali dell'incompiuta Longarini

I pali dell’incompiuta Longarini

Il consigliere Udc esce anche dalle sedi istituzionali per dire la sua su Facebook, in particolare sulla viabilità cittadina. Posta le foto dei pali ormai sommersi di erbacce della famosa strada incompiuta “Longarini” e accusa: «Le nuove generazioni maceratesi devono sapere, qual era il prospetto iniziale di viabilità per Macerata capoluogo. Il progetto presentato negli anni 70 dall’ex Democrazia Cristiana è stato annullato in seguito dai nuovi amministratori politici, inesperti a proseguire su piani stradali già avviati. Oggi, ancora si agitano per dare alla città un valido collegamento con le frazioni di Piediripa, Villa Potenza e Sforzacosta,. Sulla difesa dei programmi già approvati a suo tempo dall’Anas, ho trovato, in questi ultimi trent’anni le più inconcepibili dichiarazioni politiche. La mia presenza “tignosa” in consiglio comunale è volta soprattutto alla ricerca di consiglieri comunali virtuosi».

Una seduta di consiglio comunale

Una seduta di consiglio comunale

Nel Consiglio comunale di lunedì e martedì , oltre all’interrogazione del capogruppo Udc, saranno discusse 5 delibere. I provvedimenti riguardano l’approvazione dei verbali delle sedute consiliari da maggio a luglio 2014, quella del regolamento inerente alle “tipologie edilizie, materiali e coloriture in zona agricola”, la sospensione dell’adeguamento, per il 2015, della determinazione dell’incidenza degli oneri di urbanizzazione e le adozioni provvisorie delle varianti al Prg per l’individuazione zone di completamento e riperimetrazione del piano attuativo in via Ghino Valenti – via del Piccinino e del piano di recupero in via Giuliozzi.   In discussione anche un ordine del giorno presentato dall’esponente di Forza Italia, Deborah  Pantana e da altri consiglieri di minoranza, in merito alle affermazioni dell’assessore Enzo Valentini dopo la partita Maceratese – Sambenedettese (leggi l’articolo) due mozioni,la prima sul deposito cauzionale imposto dall’autorità per l’energia elettrica, gas e servizio idrico (Anna Menghi del Comitato Anna Menghi) e la seconda sui contributi alle scuole (Francesca D’Alessandro di Macerata è nel cuore e altri consiglieri di   minoranza).   Nel caso in cui la seduta del 24 febbraio andasse deserta, la seconda convocazione è fissata per   il 26 febbraio alle 16.30.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X