“Più sei onesto più paghi”
Polemica del consigliere Prugni

TOLENTINO - La giunta ha portato in consiglio ieri pomeriggio la proposta di anticipare le scadenze del versamento della Tari, recepita da buona parte della maggioranza. Il capogruppo del Pd: «Nell’ultima rata del 30 novembre, il Comune ricaricherà su tutti i contribuenti onesti non solo il conguaglio dovuto per il servizio ma anche una quota che andrà a compensare l’evasione fiscale della Tari 2014»
- caricamento letture
Bruno Prugni

Bruno Prugni

di Marco Cencioni

«A Tolentino più sei onesto e più paghi». Questo il concetto espresso dal gruppo consiliare del Pd che, in un comunicato dichiara la sua posizione «Contro la modifica e l’aumento della Tari». La giunta ha portato in consiglio ieri pomeriggio la proposta di anticipare le scadenze del versamento dell’imposta, recepita da buona parte della maggioranza ad eccezione del consigliere Carmelo Ceselli di Forza Italia che si è astenuto. Contraria la minoranza che esprime tutto il suo malcontento per il provvedimento, il quale rappresenta per il capogruppo Pd in consiglio Bruno Prugni «Un altro aumento della tassazione per festeggiare il nuovo anno appena iniziato. Dopo quello dei buoni pasto e dell’illuminazione cimiteriale, nell’ultimo consiglio comunale l’amministrazione ha deliberato anche l’aumento della tassa sui rifiuti (Tari) e l’anticipazione delle scadenze previste per il pagamento». «Innanzitutto, si sono anticipate di ben 5 mesi le scadenze delle prime due rate – sottolinea Prugni – La prima rata sarà anticipata dal 31 luglio al 28 febbraio, e la seconda dal 30 settembre al 30 aprile. Credendo che tutti siano utili idioti, la maggioranza ha “concesso” ai contribuenti di poter pagare le prime due rate in un’unica soluzione alla prima scadenza utile, e cioè il 28 febbraio. Magari dovremmo anche ringraziarli per questo. Ma la cosa più grave è che, di fatto, anche la Tari nel 2015 aumenterà. Nell’ultima rata del 30 novembre, il Comune ricaricherà su tutti i contribuenti onesti non solo il conguaglio dovuto per il servizio ma anche una quota che andrà a compensare l’evasione fiscale della Tari 2014. Si tratta di una scelta ingiusta – evidenzia il capogruppo Pd – Gli onesti pagheranno anche per gli evasori. La filosofia della giunta Pezzanesi non è quella di combattere i disonesti e contenere le spese ma è quella di riversare gli ammanchi dell’evasione su quei cittadini che, invece, pagano onestamente quanto dovuto. Si inizi a ricercare l’evasione fiscale proprio da chi ricopre ruoli politici invece che continuare a vessare i cittadini, chissà che non emergano delle belle sorprese».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X