Truffa all’Inps: vivevano all’estero
ma ricevevano assegno sociale

I FURBETTI - Danno per 45mila euro, scoperti e denunciati 4 albanesi. L'indagine condotta dalla Guardia di finanza
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

guardia_finanza_di Gianluca Ginella

Assegno sociale percepito indebitamente mentre se ne stavano all’estero: nei guai quattro albanesi che sono stati denunciati per truffa all’Inps. Avrebbero ottenuto sussidi per 45mila euro. A scoprirlo le fiamme gialle del comando provinciale di Macerata che hanno partecipato ad una operazione che a livello nazionale è stata condotta dal Nucleo speciale spesa pubblica e repressione frodi comunitarie della guardia di finanza di Roma volta proprio all’indebita percezione dell’assegno sociale. In provincia le indagini, condotte dai finanzieri della Compagnia di Macerata e dalla Tenenza di Porto Recanati hanno permesso di individuare tre persone albanesi che sul loro conto corrente percepivano il trattamento assistenziale, in realtà però erano tornare nel loro Paese o comunque si erano assentante per oltre un mese dall’Italia senza dare comunicazione. Tutti e tre, due residenti a Macerata e uno a Recanati, sono stati denunciati per truffa. In uno dei casi accertati è stata denunciata, in concorso, la figlia di una delle persone che ottenevano l’assegno, perché era stata lei ad incassare i soldi. Operazioni simili c’erano già state in provincia. Negli ultimi due anni la guardia di finanza di Camerino ha scoperto e denunciato 50 persone che percepivano indebitamente gli assegni con un danno erariale accertato di circa 220mila euro.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X