Operaio morto nel B&B
Eseguita l’autopsia su Di Tullio,
confermerebbe l’overdose

SAN SEVERINO - L'accertamento del medico legale Antonio Tombolini, iniziato nel pomeriggio, è proseguito fino a sera. Nella stanza dove è stato trovato il corpo c'era anche una siringa
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
L'ingresso del Bed&Breakfast in piazza del Popolo

L’ingresso del Bed&Breakfast in piazza del Popolo

Morte al bed & breakfast, l’autopsia confermerebbe il decesso di Salvatore Di Tullio per overdose. Eseguito nel pomeriggio dal medico legale Antonio Tombolini l’accertamento autoptico è andato avanti fino a sera. L’esito definitivo si saprà solo tra 90 giorni. Il 41enne, operaio, originario della Puglia, era stato trovato ieri mattina (leggi l’articolo) ormai privo di vita dalla compagna che invano aveva provato a chiamarlo al cellulare. Nella stessa stanza dove era l’uomo è stata trovata una siringa che l’operaio, secondo l’ipotesi dei carabinieri, avrebbe utilizzato per iniettarsi l’ultima dose che gli è stata fatale. L’operaio era uscito da poco tempo da una comunità di recupero e si trovava a San Severino da circa un mese. Stava cercando una casa e momentaneamente si era appoggiato nel b&b Loggia Servanzi, in piazza del Popolo. Dopo l’autopsia il magistrato di turno Enrico Riccioni ha dato il nullaosta alla sepoltura e ha aperto un fascicolo per  spaccio di stupefacenti e morte come conseguenza di altro reato.

(Redazione CM)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X