La lettera a Carlotta Bonaparte,
uno degli ultimi autografi di Leopardi

Il recente presunto ritrovamento è stato sottoposto agli studiosi della Biblioteca nazionale di Napoli
- caricamento letture
carlotta_bonaparte

Carlotta Bonaparte

di Donatella Donati*

Uno degli ultimi autografi leopardiani ritrovati, forse l’ultimo, è una lettera scritta da Giacomo a Carlotta Bonaparte, datata Firenze 15 marzo 1833 e spedita a Londra dove Carlotta da qualche settimana risiedeva: Giacomo l’aveva frequentata a palazzo Serristori dove era stato più volte invitato  e la sua presenza era molto gradita. Era una donna sensibile e delicata, buona pittrice e di vari interessi culturali. Figlia di un fratello di Napoleone e vedova di un cugino, riuniva nella sua casa letterati, patrioti e scrittori. L’amicizia con Giacomo poggiava su una notevole affinità di gusti e passioni e la lettera, sincera, aperta e delicatamente galante lo dimostra. Custodita presumibilmente dalla famiglia dei napoleonidi, è stata  messa in vendita a un’asta della famosa  Casa Drouot di Parigi. Franco Foschi ne è stato informato dall’editore Gérard Berréby  che ha pubblicato per primo una traduzione integrale dello Zibaldone. Si convenne un tetto di spesa e la lettera oggi è di proprietà del CNSL e fa parte del suo patrimonio di manoscritti. Non sembra ci siano le stesse garanzie di attribuzione per il presunto terzo autografo de L’infinito.

lettera_leopardi

La lettera scritta da Giacomo a Carlotta Bonaparte

 Contattando la Biblioteca nazionale di Napoli che conserva gli autografi dei  Canti e dello Zibaldone e parlando con la sua maggiore esperta, ho appreso che è stato sottoposto agli studiosi dell’ufficio tale terzo autografo e che è stata da loro espressa la necessità di andarci con cautela. Vale il caso di ricordare la figuraccia dell’illustre storico dell’arte Argan quando con assoluta  convinzione certificò che le teste ripescate nell’Arno erano di Modigliani. Si trattava dello scherzo di studenti burloni! Per questo perplessità e cautela (leggi l’articolo) vanno d’accordo e non può far certo bene al CNSL di Recanati che passa un drammatico momento di incertezza sposare una tesi tutta ancora da documentare. Tra le famiglie Servanti Collio di Sanseverino e Leopardi di Recanati c’erano rapporti di parentela. Severino e Monaldo, padre del poeta, erano cugini perché figli di fratello e sorella, Severino ebbe una vita lunghissima (1797-1891) ,  a un certo punto della quale ebbe frequenza epistolare con Monaldo, soprattutto per questioni di ricerca araldica e di eredità. Questa corrispondenza è stata cercata ed esaminata? Vi si potrebbero trovare tracce che siano coerenti con il ritrovamento. La vera sperperatrice di molti autografi di Giacomo è stata la sorella Paolina che cedeva alle richieste di amici. Fu lei a regalare L’infinito di Visso che poi passò tra varie mani anche di speculatori e arrivò dove oggi senza alcun merito si trova. Improbabile però che Paolina ne avesse un’altra copia. Attendiamo notizie più precise e facciamo tanti auguri ai giovani scopritori.

*Professoressa Donatella Donati, studiosa di Giacomo Leopardi



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =