Rischia di saltare
il voto della delibera urgente
Sacchi: “La maggioranza è collassata”

MACERATA - La mancanza del numero legale ha richiesto la riconvocazione del consiglio, ma anche oggi il centro sinistra ha fatto fatica a garantire lo svolgimento della seduta. Il consigliere di Forza Italia (il partito è rientrato in aula per permettere la votazione) critica quanto accaduto e sentenzia. "Il nostro senso di responsabilità ha evitato di sprecare oltre 2 mila euro per una nuova assise"
- caricamento letture
Una seduta di consiglio comunale

Una seduta di consiglio comunale

 

E’ stata approvata con non poche difficoltà dal consiglio comunale di Macerata l’esame delle osservazioni e l’adozione definitiva della variante al Prg relativa all’area dove Confartigianato sta realizzando la nuova sede, tra via Mattei, via Ancona e via Pesaro. Il consiglio comunale era stato convocato d’urgenza proprio per l’esame della delibera che aveva una scadenza imminente. 
Mercoledì si sono incontrate le commissioni competenti e ieri si è svolta la prima seduta dell’assise cittadina. La riunione però è stata sciolta per mancanza del numero legale e rinviata ad oggi. Questo pomeriggio la scena si è ripetuta e la maggioranza ha fatto fatica a garantire lo svolgimento del consiglio, mentre l’opposizione è rimasta fuori dall’aula. Comunque, dopo un paio di appelli, sono entrati in aula i 20 consiglieri necessari.

Riccardo Sacchi (Forza Italia)

Riccardo Sacchi (Forza Italia)

Dopo la discussione della delibera, degli emendamenti e delle osservazioni, però, al momento della votazione della delibera urgente, è mancato nuovamente il numero legale. A questo punto il sindaco Romano Carancini è uscito dall’aula per chiedere ai rappresentanti dell’opposizione di entrare in aula per permettere di terminare la seduta e si è appellato al loro senso di responsabilità. In effetti la variante relativa all’area è stata approvata con l’astensione della minoranza. 
Quanto accaduto non è però affatto piaciuto a Riccardo Sacchi, consigliere e coordinatore comunale di Forza Italia, il quale è intervenuto durante la seduta per censurare il comportamento della maggioranza. Sacchi evidenzia: «Il dato politico che emerge dalle tre giornate è che il sindaco non ha più la maggioranza per governare. La maggioranza è collassata. Il nostro senso di responsabilità ha consentito di evitare una ulteriore seduta e di risparmiare oltre due mila euro per una riconvocazione domani mattina ma non è questo il modo giusto di fare».

(a.p.)

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X