Carbonari lascia la Cluentina
“Stanco di non essere
ascoltato dal Comune”

PRIMA CATEGORIA - Dopo 8 anni l'avvocato, consigliere comunale a Macerata, non sarà più il presidente della squadra di Piediripa. Alla base della sua decisione i mancati lavori all'impianto sportivo di Valleverde
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
carbonari claudio_0054

Claudio Carbonari

Cambio al vertice in casa Cluentina. Claudio Carbonari, il presidente che ha permesso al club di Piediripa di ottenere i risultati migliori nella sua storia –su tutti l’approdo in Prima categoria nel 2009 – ha deciso di lasciare il timone. Dopo 8 anni spesi per la causa biancorossa, l’avvocato 43enne, consigliere comunale di Fratelli d’Italia, ha  comunicato la notizia ai collaboratori più stretti aggiungendo che comunque rimarrà all’interno della società e garantirà l’appoggio consueto in termini di budget.

Carbonari, quali motivazioni alla base di questo annuncio? “Non ne potevo più di non essere ascoltato dal Comune in merito ai lavori di manutenzione di cui necessita il Valleverde (causa del trasloco forzato della squadra al Rione Pace per i mesi invernali). Sono stufo di inviare fax e lettere. Ho anche detto che avrei fatto i lavori a spese della società ma non ho avuto l’autorizzazione. Se il problema sono io allora mi faccio da parte.”

E’ l’unica motivazione? “Inizio anche a sentire un po’ la stanchezza. Mi sono sposato da poco e vorrei dedicare più tempo alla mia vita privata”.

Entro quanto tempo verrà scelto il suo successore? “Credo al massimo due settimane”.

Cosa lasciano di bello questi 8 anni? “A livello umano tanti bei rapporti con giocatori e collaboratori, sono nate nuove amicizie. A livello sportivo il salto in Prima categoria nel 2009 a Servigliano”.

Il rimpianto più grande è il mancato sviluppo del settore giovanile o lo scarso feeling creatosi con la frazione? “Speravo di dotare la Cluentina di una struttura valida per un polo giovanile”.

Bilancio di questa ultima stagione: 9° posto, salvezza presa con largo anticipo, ma anche un brutto finale. “Positivo anche se il campionato è stato diviso da una prima metà eccellente ed una seconda insufficiente. Mister Bonfigli ha fatto bene, dovremo invece riflettere sulla mentalità perché forse non abbiamo creduto davvero tutti, me in primis, alla possibilità insperata in estate di arrivare ai playoff”.

cluentina a servigliano3

 

Claudio Carbonari

Claudio Carbonari



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



Donazioni
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X