Tragico schianto a Trodica
Morta la cuoca dell’Happy hour
“Era una persona allegrissima”

DRAMMA SULLA STRADA - La 46enne di Ravenna lavorava al ristorante di Piediripa di Macerata e da qualche mese abitava a Corridonia. In auto con lei c'erano due colleghi, il pizzaiolo e la cameriera del locale, erano usciti per prendere un aperitivo. Il titolare, Tiziano Renzi: "Una tragedia per tutti, terremo chiuso fino al termine della settimana". Nello schianto ferita in maniera grave una 23enne di origine serba che vive a Treia, che è ricoverata in prognosi riservata
- caricamento letture
mortale_trodica (9)

La Peugeot 307 su cui viaggiava Maria Antonietta come passeggera

landolfo


Maria Antonietta Landolfo

di Gianluca Ginella

Faceva la cuoca a Piediripa di Macerata la donna di 46 anni di Ravenna, morta in un tragico schianto avvenuto alle 21,30 di ieri, a Trodica di Morrovalle (leggi l’articolo). Maria Antonietta Landolfo, la donna morta, era dipendente del ristorante Happy hour dinner club e ieri sera era uscita per prendere l’aperitivo insieme a due colleghi, rimasti anche loro feriti nello schianto, per fortuna non in maniera grave. Il locale dove lavorava rimarrà chiuso per lutto per tutta la settimana.

Era la loro serata libera, gliel’aveva concessa il titolare del ristorante Happy hour, Tiziano Renzi, visto che in settimana ci sarebbe stato parecchio da fare al lavoro. E così ieri sera, Maria Antonietta, la cuoca del locale, che abitava a Colbuccaro di Corridonia, si trovava in auto con il pizzaiolo, Elia Balestrini, 23 anni, di Pollenza, e con una cameriera, Katarina Jankokova, slovacca di 31 anni, residente a Ravenna. E così, tutti insieme erano usciti per andare a prendere un aperitivo. Poi alle 21,30 il terribile schianto. Quando la Peugeot 307, guidata da Balestrini, immettendosi sulla provinciale 485 si era schiantata frontalmente contro una Chevrolet Aveo con a bordo due ragazzi: R. C., 24 anni, di Morrovalle, e A. B., 23 anni, residente a Treia, una ragazza di origine serba che è ricoverata all’ospedale di Macerata, in prognosi riservata. Lo schianto è stato terribile e non ha lasciato scampo alla 46enne. Morta lontano da casa (viveva a Marina di Ravenna), in una provincia dove era arrivata solo alla fine dello scorso anno. Chiamata dal titolare del ristorante Happy hour, che la conosceva perché già sua dipendente in un locale di cui è proprietario a Ravenna. “E’ una tragedia per tutti” dice Tiziano Renzi, sconvolto per l’incidente. “Ieri sera avrei dovuto andare anch’io con loro, e forse tutto questo non sarebbe successo – dice Renzi –. Maria Antonietta coordinava tutta la cucina, aveva un carattere allegrissimo, sempre disponibile, con lei era come stare in famiglia, non solo per i colleghi, ma anche per i clienti che l’avevano conosciuta e la stavano conoscendo, con il suo carattere solare e dinamico. Era una persona stupenda, ci sono state persone che anche se la conoscevano poco mi hanno chiamato per come era lei, per la persona che era. Ora terremo il ristorante chiuso per lutto, per tutta la settimana. Anche perché siamo rimasti solo io e il barista”.

maria_antonietta_landolfoIntanto ieri sera sono arrivati da Ravenna i due figli di Maria Antonietta, Matteo e Salvatore, entrambi poco più che ventenni. I funerali della donna, che era separata, si terranno a Ravenna. Non sono gravi, per fortuna, le condizioni di Balestrini e di Jankokova.

 

 

 

 

 

 

La Chevrolet Aveo

La Chevrolet Aveo

 

mortale_trodica (2)

mortale_trodica (3)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X