Lube, amarezza e incredulità
Giuliani: “Il nostro livello di gioco
non è stato nemmeno accettabile”

LE DICHIARAZIONI DEL POST PARTITA - L'allenatore dei biancorossi deluso dai suoi dopo l'eliminazione dalla Coppa Italia contro Perugia. Il centrale Podrascanin: "Non so cosa sia successo nel quarto set, era tutto nelle nostre mani". Il libero Henno: "Avevamo la partita in pugno"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Il muro della Lube nella gara contro Perugia

Il muro della Lube nella gara contro Perugia

Per la Lube la sconfitta nella semifinale della Coppa Italia arriva al termine di una partita che sembrava in pugno (leggi l’articolo). La formazione di Giuliani era avanti 2-1 e 18-12 prima di spegnersi incredibilmente e cedere contro una volenterosa ma modesta Perugia. Nelle dichiarazioni del post partita emerge tutto il dispiacere dei protagonisti biancorossi per aver perso un altro importante obiettivo stagionale.

ALBERTO GIULIANI (allenatore): “Nel quarto set eravamo avanti 18-12, poi abbiamo sprecato quattro contrattacchi che potevano chiudere la partita e consegnarci questa finale di Coppa Italia ma non ci siamo riusciti. Non siamo riusciti nemmeno a giocare ad un livello di gioco accettabile, a partire dalla ricezione che ha balbettato per tutta la partita contro i loro battitori flottanti. Per questo ho fatto giocare due ricevitori puri come sono Simone Parodi e Jiri Kovar. Stasera, però, non siamo riusciti ad avere costanza in niente. Nonostante ciò stavamo per chiudere la partita in nostro favore, invece ci siamo spenti. Una cosa che ci succede purtroppo troppo spesso in questa stagione, ed è capitato anche stasera. Questa squadra sta giocando male e con poca convinzione le partite che contano, e per chi vuol vincere non è certamente una bella cosa. Ora il campionato è rimasto l’ultimo e unico obiettivo perseguibile, un po’ come è successo due anni fa. E speriamo questa volta di fare la stessa fine, ovvero di vincere lo scudetto”.

MARKO PODRASCANIN (centrale): “Non so cosa sia successo nel quarto set, era tutto nelle nostre mani e potevamo vincere questa partita 3-1. Ci sono stati molti errori da parte nostra, e in difesa dove abbiamo preso pochissimi palloni in cinque set. Complimenti a Perugia che ha fatto un’ottima partita, soprattutto al loro opposto Atanasijevic che ha fatto una prestazione impressionante. Dobbiamo dimenticare questa partita in fretta. Nel tie break siamo andati subito sotto, e anche giù con la testa, soprattutto dopo quel finale di questo set: per questo abbiamo iniziato così male nel set decisivo”.

HUBERT HENNO (libero): “Anche oggi purtroppo non siamo riusciti a chiudere la partita quando ce l’avevamo in mano. Fisicamente ci sentivamo bene, ma nel finale di quarto set abbiamo avuto un calo di concentrazione sprecando il nostro vantaggio accumulato nel corso del parziale. Questa è la pallavolo, se non metti a terra i palloni importanti non si vince. Dobbiamo rimboccarci le maniche e andare avanti verso l’ultimo obiettivo di questa stagione, il campionato”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X