Il Tolentino non trova il guizzo vincente
Urbania, punto d’oro al Della Vittoria

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Tolentino-Urbaniadi Marco Cencioni

Finisce a reti bianche il match fra Tolentino ed Urbania. Il pareggio scaturisce al termine di novanta minuti giocati in maniera intensa dalle due formazioni, spinte da obiettivi diversi. I padroni di casa hanno cercato in tutti i modi di trovare la via del successo, ma la giornata scarsamente brillante sia in fase di rifinitura che di conclusione, l’atteggiamento molto prudente dell’avversario e un primo tempo interpretato troppo sotto ritmo hanno impedito ai crèmisi di trovare la via del gol. L’Urbania era venuta a Tolentino per portare via un punto e ci è riuscita. Ha cercato di prestare la massima attenzione alla fase difensiva, ha permesso ai locali di partire nella costruzione del gioco iniziando il pressing solo oltre la metà campo insomma, ha voluto raccogliersi a protezione della porta difesa da Celato per poi provare sortite in contropiede. Sul finire del primo tempo ha anche avuto l’opportunità per far male, ma la doppia parata di Carnevali (su Zohir Mounsiff prima e su Patarchi poi) è stato l’unico episodio di una certa importanza costruito dagli ospiti in novanta minuti di gioco. Ogni volta che Minopoli e compagni raggiungono la fatidica zona playoff non riescono mai a mantenerla. Questo è un dato di fatto. Come lo è che se il Tolentino manterrà la propria identità di gioco, difficilmente fallirà il raggiungimento di un posto al sole. E’ evidente che, come ha ammesso Clementi a fine gara, certe partite contro avversari così arroccati le possono solo risolvere le giocate dei singoli. Oggi proprio le individualità sono mancate, perché a livello di collettivo si può rimproverare poco. L’undici crèmisi ha svolto il suo compito lentamente nel primo tempo, con più frequenza nella ripresa. Non ha creato tantissimo, ha avuto le sue opportunità, ma non le ha sfruttate. Non ha però mai smarrito il suo credo calcistico ed è da questo che lo staff tecnico deve ripartire in vista del big match a casa della Folgore di sabato prossimo: se i risultati si raggiungono grazie alle prestazioni, sicuramente i tolentinati sono comunque sulla buona strada. Venendo alla cronaca, sicuramente la partita non ha offerto uno spettacolo irrinunciabile, ma quanto ad impegno ed agonismo il valore del confronto è stato sicuramente apprezzabile. La prima conclusione verso lo specchio della porta arriva al terzo, ci prova Mercuri con il sinistro palla a lato. Bisogna attendere 13 minuti per vedere un altro tentativo pericoloso. E’ Nardini, dal vertice sinistro dell’area di rigore, a puntare e saltare Urbinati con un pregevole doppio passo, ma il sinistro del numero 10 termina di un nulla alto sopra il sette. Pochi secondi prima del ventesimo Kakuli beneficia di un rimpallo e può scaricare il sinistro da posizione invitante, conclusione inguardabile, palla addirittura in rimessa laterale. Il copione della gara vede il Tolentino fare il suo solito gioco, con un ritmo però troppo compassato rispetto al solito. La formazione di Clementi è paziente nel girare palla alla ricerca del varco giusto, ma sbatte inevitabilmente sulla trequarti dell’Urbania. L’undici di Ceccarini è davvero attento a non concedere spazi alla manovra crèmisi e, appena recupera palla, cerca la velocità d’esecuzione e la verticalizzazione nello spazio per la velocità degli attaccanti. Al 30’ Frinconi crossa profondo dalla destra e l’uscita di Celato non è perfetta, la sfera finisce sul sinistro di Mercuri che non trova la porta. Due minuti più tardi l’errore di Samir Mounsiff innesca Cinotti che si gira in area e prova il pallonetto ma sbaglia la misura, palla a lato. L’Urbania si fa vedere per la prima volta al 33esimo ed è subito molto pericolosa. Azione splendida tutta di prima sulla destra e poi assolo di Alessandro Rossi che salta con un tunnel Bergamini e pesca Zohir Mounssiff sulla sinistra. L’attaccante entra in area e spara il destro, Carnevali respinge alla grande. L’ultima occasione del tempo è ancora di marca durantina. E’ il 40’ quando la punizione di Braccioni arriva sul secondo palo: la sponda di Sacchi trova Patarchi che, di testa, si vede respingere il tentativo da Carnevali. Passa al 4-2-3-1 Clementi nella ripresa, inserendo Mandorlini per Mercuri. I crèmisi beneficeranno di questo cambio tattico, ma il loro assedio lungo 45 minuti non produrrà la degna conclusione. Nel giro di quaranta secondi, al 53’, i padroni di casa costruiscono due nitide opportunità. Prima il destro di Minopoli che esce di un nulla e poi il sinistro di Nardini in diagonale, a lato per questione di centimetri. Il Tolentino manovra e gli ospiti rintuzzano. Braccioni e compagni non troveranno mai il modo di rendersi pericolosi. L’assedio crèmisi è però sterile e produce poche opportunità da gol. Nell’ordine: destro potente ma impreciso di Mandorlini (70’), punizione di Ruggeri devia Celato (79’), piazzato angolato di Bernabei (91’) ancora il portiere biancorosso respinge. Queste le occasioni prodotte sino al triplice fischio di Marconi di Ancona dai padroni di casa, a cui si aggiungono una marea di calci d’angolo, tutti battuti senza trovare la deviazione vincente.

il tabellino:

TOLENTINO (4-3-3): Carnevali 7; Frinconi 7, Bergamini 6.5, Nicolosi 6.5, Ruggeri 5.5; Kakuli 5.5 (28’s.t. Romagnoli s.v.), Minopoli 7, Mercuri 6 (1’s.t. Mandorlini 6); Gobbi 6, Cinotti 5.5, Nardini 6 (39’s.t. Bernabei s.v.). A disp.: Tiberi, Falconi, Ciotti, Iori. All.: Clementi 6.
URBANIA (4-3-1-2): Celato 6; Righi 6, M. Rossi 6.5, Patarchi 7, Renghi 6; Urbinati 5.5, Braccioni 5.5, S. Mounssiff 5.5; Ale. Rossi 6.5; Sacchi 5.5, Z. Mounsiff 6. A disp: Bozzi, And. Rossi, Prisacaru, Ceccarini, Scarselli, Cappellacci, Fraternali. All.: Ceccarini 6.
ARBITRO: Luca Marconi di Ancona 5.5
ASSISTENTI: Matteo Orsolini di Ascoli Piceno 6 – Antonio Marco Vitale di Ancona 6
NOTE: spettatori 300 circa. Ammoniti: Patarchi, Mercuri, S. Mounsiff, Romagnoli. Angoli: 9-1. Recupero: 3‘ (0’+3’).



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X