Samb di un altro pianeta
Portorecanati sconfitto a testa alta

ECCELLENZA - La doppietta di padovani decide la sfida giocata sul neutro di Grottammare
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
La formazione del Portorecanati

La formazione del Portorecanati

di Gianluca Guastaferro

Il Portorecanati è costreto ad ammainare bandiera bianca di fronte ad una Sambenedettese superiore dal punto di vista fisico e in alcune individualità ma certamente non nel gioco. La partita giocata sul neutro di Grottammare ha visto i ragazzi di Possanzini scendere in campo senza timori reverenziali al cospetto dei più quotati avversari che nella prima frazione di gioco hanno impensierito Palmieri soltanto sulle palle alte dove potevano far valere la prestanza fisica. Difatti dopo un buon avvio della Samb che nei primi minuti di gioco prima con Galli e poi con Baldinini non riuscivano di testa a centrare lo specchio della porta, era il Portorecanati ad andare vicino al gol al 14’. Cento si produceva in una delle sue progressioni sulla fascia destra, cross che Garcia allungava di testa per Caporaletti che si liberava bene del suo avversario ma il suo tiro si perdev alto sulla traversa. I rossoblu soffrono il possesso di palla arancione e cercano con il pressing di bloccare le iniziative di Gasparini e compagni. Dopo un tiro da fuori area di Cento al 23’, ben bloccato da Zuccheri, e un colpo di testa di Seye finito alto, si arriva al 33’ quando Pandolfi si invola tutto solo verso la porta avversaria e al momento del tiro viene fermato in scivolata dall’ottimo Amaranti. Capovolgimento di fronte e stavolta è Strano che con un gesto tecnico veramente di classe costringe Galli a portarsi il pallone sul fondo. La svolta della gara avviene al 43’. L’arbitro Bindella, pessima la sua direzione, ravvede in contatto in area spalla a spalla tra Mandolini e Piccioni, entrato al 14’ al posto dell’infortunato Tozzi Borsoi, gli estremi del calcio di rigore, tra l’incredulità degli spettatori e degli stessi giocatori rossoblù, increduli del pacchetto regalo offerto loro dalla giacchetta nera di turno. Si incarica della battuta Padovani che spiazza Palmieri permettendo alla sua squadra di andare al riposo in vantaggio. Nella ripresa è subito Portorecanati. Prima Garcia e poi Pandolfi, che ha giocato buona parte dell’incontro con una vistosa fasciatura al capo a causa di un contatto fortuito con Seye, si ritrovano in area in condizione di battere a rete ma arrivano all’appuntamento in precario equilibrio e la difesa ospite può liberare. Il sigillo sulla gara arriva al 19’. La Samb  ruba palla a centrocampo e può ripartire con i locali sbilanciati. Baldinini opera un cross dalla sinistra per il libero padovani che ha tutto il tempo per coordinarsi e battere da distanza ravvicinata l’incolpevole Palmieri. Da qui alla fine poco o niente da raccontare se non lo show negativo del fischietto pesarese che inverte punizioni dall’una e dall’altra parte indispettendo non poco il pubblico locale. E’ strano come per una partita che vedeva di fronte la prima e la terza forza del campionato sia stato designato un direttore di gara alla sua prima esperienza in questo campionato e già autore di precedenti prestazioni in negativo. Un ultimo pensiero lo vogliamo rivolgere al questore di Macerata che con una decisione a dir poco scellerata ha privato la città di Porto Recanati di un evento sportivo per presunti motivi di ordine pubblico. Oggi al “Pirani” la tribuna coperta era occupata da sportivi locali e ospiti in assoluta armonia, senza il minimo sentore di disordini o presunti tali. La cosiddetta tifoseria più calda della Sambenedettese, dirottata nella tribuna laterale, era occupata da non più di quattrocento spettatori, intenti solo a sostenere i propri beniamini. Se quest’oggi  il questore fosse stato presente, forse si sarebbe reso conto del danno provocato agli sportivi arancioni e alla città intera. Peccato che  i questori non siano uomini di sport…

il tabellino:

PORTORECANATI: Palmieri, Cento, Santoni M., Mandolini (79’ Papa), Strano (49’ Santoni E.), ‘Giovagnoli; Caporaletti (54’ Pericolo), Marcelletti, Pandolfi, Gasparini Emanuele, Garcia. A disp.ne Fatone, Palazzetti, Gasparini D.,Rombini. All. Possanzini.

SAMBENEDETTESE: Zuccheri, Viti, Amaranti, Traini, Borghetti, Seye; Padovani, Zebi, Tozzi Borsoi (18’ Piccioni (73’ Fedeli), Galli (54’ Tartabini), Baldinini. A disp. Ciccarelli, Fiore, Gorini, De Rosa. All. Mosconi.

Arbitro: Sig. Bindella di Pesaro (Ass. Busilacchi di Ancona – Santarelli di Ancona).

Reti: 42’ (rigore) e 64’ Padovani.

Ammoniti: Viti, Zebi, Baldinini. Angoli 3-6. Recupero 2 + 4.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X