110 mila lavoratori migranti regolari: “L’Italia sono anche loro!”

Il 3 ottobre ad Ancona la "Conferenza nazionale sull'immigrazione" promossa dalla Filctem-Cgil
- caricamento letture
ghiselli

Roberto Ghiselli

 

La Filctem-Cgil torna nelle Marche dove meno di un mese fa a Porto Recanati (leggi l’articolo) aveva messo a punto, con l’Inca-Cgil, un progetto biennale per i diritti e le tutele dei lavoratori migranti, dando vita ad una vera e propria “rete” di sostegno a persone che si trovano in condizioni di svantaggio. E torna ad Ancona il prossimo 3 ottobre (sala “Massimo D’Antona” della Cgil Marche in via 1° Maggio, 142 – ore 10.00) per tenere la sua Conferenza nazionale sull’immigrazione che intende ragionare per comprendere meglio i problemi e le complessità di una categoria – quella dei lavoratori chimici, tessili, dell’energia e delle manifatture – che vede una massiccia presenza di stranieri che, con oltre 110.000 lavoratori migranti regolari, sfiora il 9% del totale dell’occupazione nei settori del “proprio perimetro” contrattuale (il 27% del totale industria in senso stretto). La Conferenza nazionale – presieduta dal segretario generale della Cgil Marche, Roberto Ghiselli – sarà aperta da una relazione introduttiva di Delia Nardone, segretaria nazionale Filctem, alla quale seguirà il dibattito nel corso del quale è previsto l’intervento di Emilio Miceli, segretario generale della Filctem-Cgil. L’assise sarà conclusa da Vera Lamonica, segretaria confederale Cgil.

miceli barbaresi

Emilio Miceli e Daniela Barbaresi

“Non è più tollerabile – esordisce Miceli – che in Italia, su questa parte più fragile della popolazione, si riversino gli umori più negativi che si traducono nel mancato rispetto dei diritti di cittadinanza e del lavoro. Perciò – aggiunge il leader sindacale – rivendichiamo per tutti il valore del contratto, che unisce e non discrimina nessuno: del resto l’Italia sono anche loro!”. “La grave crisi economica non può rappresentare un alibi per nessuno: la partita la vinciamo – conclude il segretario – se riusciamo a battere le diseguaglianze e a garantire ad ogni lavoratore un’occupazione dignitosa”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X