Rigore finanziario, giovani e… bel tempo
Allo Sferisterio torna il segno “+”

UFFICIALIZZATO IL BILANCIO CONSUNTIVO DEL MACERATA OPERA FESTIVAL - Quadro positivo per il 2012, dopo oltre 10 anni si chiude con un utile (12.700 euro). Accantonamenti di 215mila euro per rischi futuri. Carancini: "Il nostro è uno dei pochi teatri in Italia ad essere virtuoso". Pettinari: "Una vittoria per tutto il territorio"
- caricamento letture

 

Carancini_Pettinari_Sferisterio

Romano Carancini e Antonio Pettinari

 

di Matteo Zallocco

12.700 euro sono una bazzecola rispetto alle cifre che girano intorno al Macerata Opera Festival ma rappresentano un risultato storico per lo Sferisterio che dopo oltre dieci anni chiude con un utile il bilancio consuntivo. 12.700 euro che fanno esultare la strana coppia Carancini-Pettinari, presidente e vice presidente dell’Associazione Sferisterio, bravi nell’individuare la strada giusta per il nuovo corso targato Francesco Micheli e anche molto fortunati perchè sarebbero bastati quattro minuti di pioggia per chiudere il bilancio in rosso. “Oggi siamo qui a raccontare numeri e non chiacchiere – ha detto il sindaco Romano Carancini – e lo facciamo anche con una certa soddisfazione verso i tanti detrattori dello Sferisterio. Grazie ad una rigorosa attenzione alla gestione finanziaria per la prima volta negli ultimi dieci anni lo Sferisterio chiude con un utile. Questo risultato è stato anche favorito dal buon andamento climatico perchè senza una serata e mezza di pioggia avremmo chiuso in attivo anche il bilancio del 2011 (-75mila euro)”.

Piergiacomi

Il revisore dei conti Giorgio Piergiacomi e Raffaele Berardinelli, rappresentante del Cda. Alle loro spalle Luciano Messi, direttore dell’organizzazione tecnico-artistica dello Sferisterio

Come in altre conferenze stampa sullo Sferisterio, Carancini indossa una maglia verde speranza che evidentemente sta portando fortuna… “Siamo uno dei pochissimi teatri in Italia che in questo periodo drammatico riesce a chiudere con un risultato positivo, per noi è una grande vittoria. Grazie ai lavoratori, agli artisti e al nuovo Cda. Grazie anche al presidente Pettinari che ha fortemente insistito per il ritorno delle opere popolari che Francesco Micheli ha riportato in Arena con innovatività”.

Antonio Pettinari ha sottolineato l’importanza dello Sferisterio “tornato protagonista in tutta la provincia” e l’importanza della ricaduta economica che lo Sferisterio riveste sul territorio “offrendo opportunità lavorative all’interno e all’esterno. E’ stato importantissimo – ha aggiunto – il coinvolgimento di tutto il territorio: dalle due Università maceratesi alle scuole, dalle associazioni di categoria a Confindustria, dalla Camera di Commercio alle imprese. Con questi attori abbiamo condiviso un nuovo progetto, che vede uniti e partecipi il CdA e il direttore artistico Francesco Micheli. Ora stiamo lavorando, seguendo il criterio della trasparenza, al bilancio sociale e vedremo quale sarà la ricaduta della stagione lirica sul territorio, soprattutto dal punto di vista del lavoro, tema scottante in questo periodo”.

Carancini_Pettinari_Sferisterio (3)Il presidente della Provincia ha poi definito “virtuosissima l’azione di riduzione dell’indebitamento pregresso”. Gli fa eco Carancini: “Abbiamo ridotto l’indebitamento lordo degli anni passati di 300mila euro e quello netto di 375mila euro. Oggi complessivamente il debito è di 500mila euro ed è completamente coperto dagli immobili di proprietà dell’Associaizione Sferisterio”.

Dunque il Cda ha confermato il dato, annunciato tre mesi fa, di una stagione con saldo positivo. Il bilancio consuntivo 2012 dell’ente si chiude con più di 12.700 euro: alle entrate di 4.198.107 euro vanno sottratti 4.185.363 di costi. “Notevole – aggiunge Carancini – è stata anche la crescita degli spettatori under 18 con oltre mille biglietti venduti agli studenti, rispetto ai 680 del 2011. Inoltre ci sono risultati positivi delle sponsorizzazioni, con il traguardo raggiunto di 250mila euro di fund raising”.

Si sono aggiunti maggiori fondi da parte della Regione Marche e della Camera di Commercio di Macerata che, seppur in un periodo di contrazione economica, hanno scelto di aumentare il loro investimento. Tutte queste voci, fortemente positive, hanno consentito di assorbire la riduzione del contributo della Fondazione Carima, ed altre minori entrate del bilancio, di importo contenuto.
“Negli ultimi tre anni – prosegue Carancini – abbiamo avuto severi tagli sul capitolo della produzione di 1.100.000 euro, che hanno portato il budget attuale a 2.400.000, e nonostante tutto siamo riusciti a garantire l’alta qualità. Il premio Abbiati ricevuto da Leo Muscato poche settimane fa per la Bohème, andata in scena allo Sferisterio, ne è la conferma”.

Scorrendo il documento approvato dal CdA risalta il ricavo netto di biglietteria, di 1.051.212,70 di euro, il miglior incasso di sempre con l’attuale disposizione delle sedute, a fronte di una previsione di 900mila euro. Da non sottovalutare anche il significativo taglio di biglietti omaggio, portati a 1835 contro i 2196 del 2011.

Per le spese in bilancio, come già avvenuto negli esercizi precedenti, la preventiva assegnazione di budget ai responsabili dei vari settori dell’attività – Direzione artistica, Promozione, Ufficio Stampa, Amministrazione – ha consentito di ottenere una conseguente maggiore responsabilizzazione gestionale e la verifica della sostenibilità dei costi; infatti, risulta confermato il sostanziale rispetto dei fondi assegnati a tutti i centri di spesa, tenuto conto della sopraggiunta necessità di effettuare alcuni interventi di carattere straordinario autorizzati dal CdA.
L’andamento positivo della gestione 2012 consente ora di far fronte, con adeguati accantonamenti di 215mila euro, ad alcuni rischi che si potrebbero verificare in futuro: in primis il preannunciato taglio derivante dalla normativa sulla spending review (legge 135/2012).

“Il documento approvato dall’assemblea dei soci – hanno concluso Carancini e Pettinari – del bilancio di esercizio 2012 con lo stato patrimoniale e il conto economico, la nota integrativa, la relazione tecnico-artistica e quella del Collegi dei revisori dei conti sarà pubblicato online sui siti dello Sferisterio, del Comune e della Provincia”.

(Foto di Lucrezia Benfatto)

 

Carancini_Pettinari_Sferisterio (2)

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X