San Ginesio in festa
per la promozione in Seconda categoria

Decisiva la vittoria per 3-1 contro il Borgo Mogliano nell'ultima giornata di campionato per la formazione di patron Balzi
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Festa San Ginesio 2

di Luigi Labombarda

Con una giornata d’anticipo il San Ginesio festeggia la promozione in Seconda categoria: grande festa allo stadio “Corridoni” al termine della gara di venerdì sera (vinta 3-1 con il Borgo Mogliano) che ha blindato matematicamente il primo posto del girone G di Terza. Un successo inseguito da tempo e onorato al meglio, a partire dal cambio di denominazione voluto ad inizio stagione: il passaggio da “Pian di Pieca” a “San Ginesio” per far sentire più forte l’identità del paese. Ormai con una perenne espressione sul volto di soddisfazione ed orgoglio il presidente Roberto Balzi: “Presidente solo perché qualcuno deve pur ricoprirne la carica, ma in realtà siamo un gruppo unito di dirigenti che decide sempre di comune accordo.” Lo scorso anno il Pian di Pieca uscì sconfitto dalla finale playoff: “Ogni anno si punta sempre a fare meglio di quello precedente e in effetti ci siamo riusciti” continua Balzi “nonostante un campionato davvero molto difficile, con tante squadre forti: basta guardare la classifica, c’erano altre sette squadre attrezzate almeno per i playoff, e quasi fino alla fine sempre raccolte in pochi punti.

Festa San Ginesio Ad inizio stagione puntavamo anche alla Coppa ma poi ci siamo resi conto di non poter gestire il doppio impegno, visto poi che i risultati in campionato ci premiavano.” Ecco i fratelli Briganti, parla per primo il maggiore, Rocco: “Ad inizio anno le squadre che temevamo di più erano Macerata 1921 e Valdichienti, poi l’avversario più duro si è rivelato il Colbuccaro, che a fine girone d’andata ci ha sconfitto in casa e poi si è preso il primo posto in occasione della nostra sconfitta con il Borgo Mogliano. La vittoria nel derby con Ripe sembrava dovesse ridarci fiducia, invece sono arrivate altre sconfitte con CSKA Corridonia e Colmuranese”. Un cerchio che si chiude: se la sconfitta con i moglianesi ha rappresentato il punto più basso della stagione ginesina, tredici gare dopo con lo stesso Borgo ecco la festa più bella: “Il merito è di tutti, non solo dei giocatori ma anche del gruppo di dirigenti che ci ha sempre sostenuto, a partire dal presidente Balzi, uno che non appena stacca dal lavoro si dedica totalmente alla squadra” sono le parole di Eddy Fabbioli, decisivo nel successo sul campo del Valdichienti che ha lanciato la squadra nella fase finale della stagione. Due innesti sono stati importanti nella stagione del San Ginesio: il portiere Federico Verdini, arrivato ad ottobre e risultato ancora decisivo con le sue parate a 44 anni, e il centrocampista Emanuele Mercuri che è andato a completare a gennaio un reparto già di alto livello ed ha segnato col suo arrivo l’inversione di tendenza. I meriti vanno anche all’allenatore Giordano Calvigioni, che si è diviso tra la panchina e il ruolo di difensore e che con suo fratello Michele e lo stesso Mercuri erano stati protagonisti della promozione in Seconda dei cugini di Ripe San Ginesio, due stagioni fa: “Da parte mia c’è grande soddisfazione perché è una promozione inaspettata” ci dice Michele Calvigioni “ma con il passare delle settimane è cresciuta la consapevolezza che potevamo vincere questo campionato.” Se c’è però un giocatore del San Ginesio che rappresenta al meglio questo successo è l’attaccante Gregorio Briganti, capocannoniere con 25 reti finora all’attivo: “Sono felicissimo di aver segnato così tanto ma devo ringraziare i miei compagni che mi hanno messo nelle condizioni migliori per andare a rete così di frequente. Il segreto e la forza di questa squadra è l’unione del gruppo.”San Ginesio

Un gruppo di amici, giovani e pressochè tutti coetanei, cresciuti insieme a San Ginesio e sempre in gruppo anche fuori dal campo, per divertirsi all’insegna della goliardia come quando hanno realizzato il loro video stile “Harlem Shake”, o per prendere e prendersi in giro attraverso la pagina Facebook “Lupassutantaroba”. In campo però c’è poco da scherzare e questo San Ginesio farà sul serio anche nella prossima stagione.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X