Recanatese in apprensione
per Morbiducci e Marchetti

SERIE D - La formazione leopardiana è pronta per la sfida in casa del San Cesareo ma i due big sono in dubbio per problemi fisici
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Il centrocampista della Recanatese Marchetti

Il centrocampista della Recanatese Marchetti

di Mauro Nardi

Brutte notizie in vista della difficilissima trasferta in casa del San Cesareo. Morbiducci e Marchetti rischiano di non farcela contro la vice capolista della serie D, e Omiccioli è ancora una volta costretto ad inventarsi la formazione. Se da un lato sorride per il rientro di Iacoponi che ha scontato le due giornate di squalifica e per il pieno recupero di Cavaliere, dall’altro il mister mastica amaro per i possibili forfait di due pedine molto importanti. Morbiducci è ancora alle prese con il fastidio al polpaccio che già contro l’Astrea lo ha costretto alla panchina, mentre Marchetti sta facendo i conti con un problema al flessore che potrebbe addirittura bloccarlo per circa dieci giorni. Domani è prevista la partenza per la trasferta romana ma la percentuale della presenza dei due in campo contro il San Cesareo è veramente scarsa. Un doppio grattacapo, al quale si aggiunge anche la squalifica di Di Marino e il lungo infortunio di Rossi. Nessun problema invece per Brugiapaglia, che ha recuperato dal leggero infortunio patito in allenamento. Il terzino si candida dunque ad una maglia da titolare, così come Ristè che potrebbe prendere il posto di Morbiducci. A centrocampo torna Iacoponi e in attacco ci si dovrebbe affidare alla verve e all’esperienza di Cavaliere, che ha sfruttato la sosta per ritrovare la migliore condizione fisica. Ad affiancarlo potrebbe essere Gigli. La Recanatese, terz’ultima in classifica, è chiamata al miracolo in casa della vice capolista del girone F che all’andata ha violato il Tubaldi per 3-1. Sulla carta una impresa titanica visto che i laziali hanno perso un solo match davanti al pubblico amico (5-0 contro il Termoli), ma Patrizi e compagni d’ora in avanti devono provare a rastrellare punti contro ogni avversario se vogliono continuare ad alimentare la fiammella della speranza. Sciupato in maniera maldestra il poker di scontri diretti di inizio gennaio (2 soli punti raccolti contro Isernia e Renato Curi Angolana), i leopardiani sono costretti a far punti contro le grandi a partire da questa domenica.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X