Basket, Matelica sfiora l’impresa contro Jesi

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Vigor-Matelica

La formazione della Vigor Matelica al completo

L’unica certezza è che i tanti tifosi presenti al palasport non si saranno annoiati. La Vigor è un fantasma per tre quarti, risorge nel finale, sfiora la vittoria, va al supplementare per poi cedere nei secondi finali. L’arbitro alza la palla ed è subito inferno per l’Halley. Molle in difesa e sovrastata atleticamente, i locali non riescono a trovare il bandolo della matassa, litigando peraltro molto con il canestro. Viceversa i ragazzi messi in campo da Luconi sembrano marziani, corrono, segnano da fuori, da sotto, si trovano alla perfezione. In questa fase sono soprattutto i due Pirani a gestire l’artiglieria, innescati dal talento Battisti. L’Halley nel primo quarto trova punti da Sorci (7p. e 17 totali) e da Usberti (6p e 22 in totale). Il primo quarto finisce con un eloquente 30-19 per gli ospiti. Il secondo quarto non cambia di molto. I biancorossi arrivano sul -15, prima di battere un colpo, anzi due, con un bel contropiede sull’asse Pecchia-Montanari e un canestro di pura grinta di Gatti. Episodi sporadici, che però frenano l’emorragia. All’intervallo si va negli spogliatoi sul -12 (45-33 per Jesi). Il terzo quarto sembra iniziare bene, con una bomba di Usberti, ma gli jesini hanno una determinazione e una reattività siderali per i locali. Il 57-42 segna forse il momento più buio per la Vigor. E qui bisogna ammettere che gli uomini di Sonaglia hanno una reazione da grande squadra. Mettono le catene in difesa e cominciano a trovare ritmo in attacco, dove si inizia a sfruttare al meglio l’unica arma di superiorità, cioè la stazza fisica sottocanestro. Usberti fa male, Quercia trova buoni canestri  e Pecchia trova buone iniziative, oltre a far girare bene gli uomini in campo. Il tempo di gioco pian piano fa eclissare gli avversari, alla fine a reggere l’urto matelicese resta il solo Battisti, il quale, pur bravissimo, comincia a forzare e a strafare. Usberti segna il canestro del -3 a 4’ e il pareggio di Gatti da 3 punti, al termine di un’ottima azione corale matelicese, fa esplodere il palasport. Jesi replica ma è Usberti a pescare Quercia per un assist al bacio. E’ supplementare, vissuto sempre punto a punto, con Matelica che sembra avere ormai il pallino in mano, in grado di digerire anche alcune più che discutibili scelte arbitrali. Ma Jesi ritrova lucidità, Battisti e Bianchi trovano canestri importanti, mentre la Vigor perde malamente due palloni. Sul +2 Jesi Quercia si butta dentro con efficacia, guadagna il fallo ma non entra il primo libero. Sul secondo, sbagliato volutamente, il rimbalzo è di Federici, che subisce il fallo che lo porta sulla lunetta, per fissare l’88-85 finale per gli ospiti. Il dopopartita vede un Sonaglia arrabbiato perché non ho per niente condiviso alcune scelte arbitrali. Ma non è per cercare scuse. Ho visto la squadra iniziare a giocare troppo tardi. All’inizio eravamo troppo molli”.

VIGOR MATELICA: Porcarelli 4, Sorci 17, Boni n.e., Bracchetti, Montanari 4, Gatti 11, Quercia 21, Agabiti Rosei, Pecchia 6, Usberti 22. All.re Sonaglia.
AESIS 98 JESI: Cardinaletti, Pirani L. 11, Battisti 21, Pergolini 2, Bargnesi 7, Bianchi 16, Pirani F. 10, Federici 3, Pistola 8, Giacani 10. All.re Luconi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X