Il Lully vince a Macerata
e riapre la serie di finale

BASKET - Sabato sera a Porto Recanati la gara decisiva per la promozione
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Cus-Macerata-Lully-8-300x200

di Vincenzo Paci

Il Lully si impone in gara due delle finali playoff di Promozione per 67-62, infligge la seconda sconfitta del 2012 al CUS Macerata e riporta la serie a Porto Recanati dove, sabato sera, ci si giocherà il tutto per tutto. I portorecanatesi si presentano nel capoluogo con le spalle al muro e con un assenza pesante come quella di Astuti. Coach Matassini si vede costretto a cambiare metodo di gioco concedendo molto più spazio a Bovari e facendo passare più palloni dalle parti di Graciotti che premia la fiducia ricevuta con 17 punti a referto, un Rabuini in stato di grazia dalla linea dei tre punti e una serata quasi perfetta dalla lunetta permettevano di portare a casa la posta in palio. Palmioli conferma invece i dieci effettivi che avevano espugnato Porto Recanati, ma, nonostante le ottime prestazioni di Orioli e Cerescioli, non riesce a imporre la sua pallacanestro ed è costretto ad arrendersi all’amico Matassini.

Cus-Macerata-Lully-7-300x200

La cronaca: parte bene il CUS, trascinato da Orioli che mette subito a referto 10 punti, rispondono colpo su colpo i portorecanatesi con Graciotti (5), una bomba di Andreano e Sorgoni. I padroni di casa riescono a fare un minibreak con Santinelli e si portano sul più 7 a due minuti dalla prima sirena, ma c’è subito il controparziale Lully che in men che non si dica firma pareggio e sorpasso. Con un piazzato di Pucciarelli gli universitari riescono a chiudere sul 19-18. Nel secondo quarto, dopo sette minuti all’insegna dell’equilibrio, allungo prepotente degli ospiti grazie al bombardamento a tappeto di Rabuini che con due triple in rapida successione regala il più 8 ai suoi prima dell’intervallo lungo. Pessimi segnali in casa CUS che riprendono il gioco commettendo subito un fallo in attacco e favorendo l’allungo dei ragazzi di coach Matassini. Ancora due bombe di Rabuini, fanno 4/4 con le precedenti, per il massimo vantaggio Lully (+14).

Cus-Macerata-Lully-6-300x200

Timeout per coach Palmioli, i cussini escono dal minuto di sospensione e perdono subito palla, per loro fortuna gli ospiti non calano la mannaia e nel possesso successivo Santinelli mette la bomba che ridà speranza ed energie mentali ai suoi. Cerescioli con 7 punti tiene testa a Graciotti (6), ma il gap prima dell’ultimo quarto è prossimo alla doppia cifra. Il quarto periodo è l’unico in cui si rivede la micidiale difesa CUS che tante gioie ha regalato ai maceratesi in questa stagione: la miseria di 2 punti concessi agli avversari nei primi sei minuti, strappo ricucito fino al meno 1 e tripla possibilità per passare in vantaggio ma né Santinelli, né Trillini, né Kozhin riescono a firmare il sorpasso, dall’altra parte Traini con una grinta inenarrabile regala il più 3 ai suoi che possono tirare un sospiro di sollievo. Negli ultimi minuti i padroni di casa pagano i troppi errori dalla lunetta e a un giro d’orologio dalla fine il Lully è avanti di 4 lunghezze, il CUS costruisce un buon tiro per riportarsi sul meno 1, ma Orioli non trova la via del canestro. La partita si conclude con i tiri liberi impeccabili degli ospiti che fissano il risultato sul 62-67 finale.

il tabellino:
CUS MACERATA: Orioli 20, Trillini 11, Core, Di Menno, Santinelli 11, Medei, Kozhin 5, Pucciarelli 2, Cerescioli 13, Pierini. All.Palmioli.
LULLY BK P.TO RECANATI: Gasparrini 2, Bovari, Rabuini 14, Andreano 7, Sorgoni 8, Fuselli 3, Monaci 2, Graciotti 17, Bedeschi 2, Traini 12. All.Matassini.

Nelle foto alcune immagini di gara 2

Cus-Macerata-Lully-10-200x300   Cus-Macerata-Lully-9-300x200            Cus-Macerata-Lully-5-300x200   Cus-Macerata-Lully-4-300x200   Cus-Macerata-Lully-3-300x200   Cus-Macerata-Lully-2-300x200   Cus-Macerata-Lully-1-300x200   Cus-Macerata-Lully



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X