Isolata, sta per partorire due gemelli
Era solo un falso allarme

Interventi dei Carabinieri di Civitanova a Recanati e Montelupone per raggiungere a piedi, dove non era possibile fare altrimenti, abitazioni isolate
- caricamento letture
Neve-a-Montelupone-foto-di-Matteo-Scarabotti-111-300x225

Neve a Montelupone, foto di Matteo Scarabotti

Un’altra notte di gelo e neve con gli uomini dell’Arma, della Compagnia di Civitanova Marche, impegnati in una serie innumerevole di interventi per soccorso. Dalle 18 di ieri alle 16 di oggi si contano 87 interventi delle 9 stazioni e del radiomobile di Civitanova.
La situazione più critica a Recanati e Montelupone dove, in un paio di casi, anche  i mezzi Subaru 4×4 delle pattuglie dell’Arma hanno fatto fatica  a raggiungere un paio di abitazioni.
La prima è quella di una 85 enne di Castelnuovo, la cui strada ieri era impraticabile ai mezzi; la donna, in quel momento sola in casa ed in zona isolata, non disponeva di un medicinale urgente. La pattuglia della Stazione di Recanati ha assistito la donna non arenandosi di fronte all’impraticabilità di una strada di campagna. Un sottufficiale dell’Arma, nel cuore della bufera, ha percorso a piedi un paio di kilometri, dal luogo fin dove era riuscito ad arrivare col mezzo dell’Arma, sino alla casa di campagna dove la donna ha espresso tutta la sua gratitudine.
4X4-MONTELUPONE_23-225x300La seconda abitazione di una donna in stato di gravidanza avanzata di due gemelli, di Montelupone, che, abitando in una contrada isolata ed approssimandosi al momento del parto, ha temuto fosse giunta l’ora del parto ed ha chiesto l’intervento della pattuglia dell’Arma. I due militari, inesperti di ginecologia se non nelle nozioni elementari da “padri”, hanno incontrato non poche difficoltà per arrivare a casa della donna. Nemmeno il 4×4 dell’Arma riusciva ad inerpicarsi ed hanno percorso a piedi l’ultimo tratto di circa 500 metri di strada. Rimanendo in contatto telefonico con un medico di fiducia, i carabinieri una volta giunti nell’abitazione, si sono resi utili alla donna interpretando la situazione. Un’ oretta di assistenza per sincerarsi fosse un “falso allarme”, servito tuttavia a rassicurare la ragazza che, in caso di bisogno, ci sarebbe stato qualcuno dell’Arma che certamente l’avrebbe soccorsa.
L’Arma è intervenuta poi verso mezzogiorno a Recanati in una palazzina di viale Adriatico, evacuando, prima ancora dell’intervento tecnico, quattro famiglie di una palazzina per il presunto cedimento per il peso della neve di un tetto.
Queste ed altre storie di ordinaria assistenza, in questi giorni di straordinaria emergenza neve. Assistenza che spesso serve a rassicurare, anche per telefono, chi sta componendo il 112 o il numero dedicato all’emergenza neve 0733825360, della Compagnia di Via Carnia. Chiamate di ogni genere, spesso dettate dal panico, che i carabinieri che stanno operando in centrale operativa, stanno gestendo con competenza e tempestività.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X