Ladri in azione in via Bramante
messi in fuga dalla Volante

MACERATA - I malviventi sono scappati nella campagna. Sequestrata un'auto rubata e il bottino dei colpi già messi a segno nella giornata di ieri
- caricamento letture
mosca

La concessionaria Rover

di Alessandra Pierini

La tempestiva e opportuna segnalazione di un cittadino alle forze dell’ordine e l’immediato intervento della Volante della Polizia di Macerata hanno permesso di sventare il tentativo di furto in diverse abitazioni di via Bramante. E’ accaduto ieri sera quando, intorno alle 23, un residente della zona, ha contattato il 113 raccontando di aver visto due ombre che si aggiravano nei pressi della concessionaria Rover di Giuliano Mosca. La Volante che si trovava in zona è immediatamente giunta sul posto e i poliziotti, arrivando nel parcheggio della concessionaria, si sono accorti di un paio di individui che se la davano a gambe nella campagna. Dopo aver tentato, senza successo, di raggiungerli, sono tornati nell’area antistante il rivenditore di auto e hanno trovato una Grande Punto bianca che al controllo è risultata rubata nella giornata di ieri a Castelfidardo. All’interno dell’auto, sono stati rinvenuti e sequestrati anche un computer, un borsello contenente molte bottiglie di profumo, soldi spicci per un importo complessivo di 400 euro e diversi arnesi atti allo scasso.
Proseguendo il controllo, gli uomini della Volante hanno trovato anche un’altra macchina, questa volta di proprietà della concessionaria, alla quale era stato rotto un finestrino, probabilmente nel tentativo di trafugarla, per poi accorgersi che i malviventi avevano armeggiato con un crick per spezzare l’inferriata che proteggeva un’abitazione immediatamente vicina alla concessionaria dove la famiglia residente stava tranquillamente dormendo. Era stata anche tagliata la rete che separa la palazzina da altre immediatamente adiacenti. Tutti ciò fa pensare che l’intenzione dei ladri era quella di mettere a segno diversi colpi e di portare a casa in una sola notte un bel bottino. Fortunatamente la vicenda si è conclusa con un finale molto diverso da quello immaginato.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X