Scarcerate le ladre col pancione
Sono libere e irreperibili

Silvana Jankovic e Vera Graber non possono andare in prigione perchè incinta
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

HP0010-300x179

Silvana Jankovic e Vera Graber

Sono incinta e non possono stare in prigione. E’ questa la motivazione con la quale il magistrato di sorveglianza di Macerata e il collega di Ancona hanno deciso di emettere due provvedimenti di scarcerazione nei confronti di Silvana Jankovic, 31 anni e Vera Graber, 21 anni, le due ladre nomadi ricercate in tutta Italia per aver commesso reati contro il patrimonio e identificate  la settimana scorsa a Macerata in viale Indipendenza  dove stavano per mettere a segno l’ennesimo colpo (leggi l’articolo).  Le due hanno cumulato pene per decine di anni ma la legge italiana prevede il rinvio obbligatorio della pena se deve essere scontata da una donna in stato di gravidanza. Così le due nomadi, approfittando della loro situazione (hanno già 9 figli in due più i due bambini in arrivo) sono al momento libere e irreperibili.
Le ladre erano già state riconosciute in provincia da molti che avevano subito i  loro furti (leggi l’articolo) e ora il loro ritorno in libertà non può che destare forte preoccupazione. Tra l’altro le pene cumulate  dovrebbero essere applicate subito dopo la nascita dei bambini  che attendono. Non sarà però facile rintracciarle visto che probabilmente si renderanno irreperibili per continuare le loro azioni in altre zone.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X