“Padre Matteo Ricci esempio per lo sviluppo”
Sacconi presenta il manifesto dei liberi e forti

L'ex Ministro torna a Macerata e propone le misure necessarie per affrontare i fattori di cambiamento in una fase politica e sociale di grande incertezza
- caricamento letture
sacconi1-300x225

L'ex Ministro Sacconi tra Consuelo Zamponi e Gabriele Mincio

di Alessandra Pierini

Padre Matteo Ricci e il suo universalismo cristiano possono essere una soluzione alla crisi secondo la visione dell’attualità che l’ex ministro e attuale senatore Maurizio Sacconi propone nel suo libro “Ai liberi e forti”, presentato questo pomeriggio nel corso dell’evento promosso dall’associazione Idea Macerata e dal circolo Sturzo di Tolentino. «E’ un libro militante  – ha esordito Sacconi – che vuole riunire tutti coloro che si ritrovano tra i liberi e forti. Nella storia d’Italia senso del popolo e senso dello Stato raramente hanno coinciso. In questo momento ci troviamo ad affrontare tre grandi fattori di cambiamento che sono il salto tecnologico, la genomica che apre prospettive inquietanti e la fine del colonialismo di un terzo dell’umanità organizzata sui restanti due terzi che non si sono organizzati. Dobbiamo farlo senza poter più usare smodatamente la leva del debito pubblico». La via da seguire secondo l’ex ministro è quella dei valori e della tradizione che mantengono lo stato vitale e che hanno contraddistinto la storia del popolo italiano: «Le funzioni pubbliche – ha precisato – devono essere esercitate in modo laico ma anche la laicità deve riconoscere una verità che ha resistito nei secoli e quei valori che servono assolutamente ad affrontare le sfide».
sacconi2-300x225In questo contesto il senatore ha parlato di Padre Matteo Ricci: «Quando ho guidato delegazioni di imprenditori in Cina – ha raccontato – ho sempre usato Padre Matteo Ricci e un po’ Marco Polo come lascia passare. Padre Matteo Ricci fu cristiano fino all’ultimo eppure così aperto agli altri da guadagnarsi di essere l’unico non cinese ad essere seppellito nel Pantheon di quella cultura. Spesso celebriamo dei noti imbecilli dimenticando il valore di personaggi indispensabili. Il multiculturalismo perfetto determina incomunicabilità e conflitto, noi dobbiamo dialogare sul piano religioso ma essendo fortemente identitari».
Nel libro Sacconi prende a prestito diversi elementi dalla sua esperienza di governo e indica un elemento fondamentale per lo sviluppo nella vitalità  demografica: «E’ con il benessere materiale che la procreazione non è più risorsa ma costo mentre la cultura della vita equivale a maggiore senso di responsabilità e ad una forte attitudine ad essere utili a sè e agli altri». A questo punto l’ex Ministro ha ricordato la campagna elettorale a fianco di Franco Capponi e ha riproposto la sua visione: «Quello che volevamo proporre è quello che ribadisco oggi. Meno Stato e più società. Lo Stato moderno è basato sulla sfiducia verso le persone, la soluzione è liberare la società perchè la sussidiarietà si faccia prepotentemente avanti. Alla base di tutto deve esserci la questione antropologica».


    sacconi4-300x187

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X