Sacchi torna alla carica
Nuova mozione su sosta e parcheggi

Il consigliere del Pdl chiede all'Amministrazione di sospendere la delibera che prevede la sanzione di 39 euro in caso di scontrino non esposto o non leggibile
- caricamento letture
sacchi

Riccardo Sacchi

Da alcuni giorni l’Amministrazione comunale di Macerata ha avviato, con la distribuzione di oltre diecimila volantini, il piano della comunicazione per avvertire gli utenti che dal prossimo 10 ottobre entreranno in vigore le nuove modifiche alla disciplina della sosta tariffata.

Le modifiche, come noto, prevedono, che in caso di scontrino non leggibile o non esposto scatterà l’immediata sanzione amministrativa di 39 euro, come stabilito dal   codice della strada.

I volantini sono stati affissi, in maniera visibile, in ogni parchimetro delle aree esterne di sosta a pagamento della città così come in ogni auto parcheggiata. La distribuzione del materiale divulgativo proseguirà in maniera continuativa fino al prossimo 10 ottobre.

In caso di scontrino scaduto rimane in vigore il sistema attuale che prevede la possibilità, prima che scatti la sanzione amministrativa, del pagamento in sanatoria entro sette giorni. E la questione sarà affrontata anche in consiglio comunale, con una mozione presentata da Riccardo Sacchi (Pdl).  Sacchi aveva già presentato una mozione simile a settembre salvo poi ritirarla. La mozione ha raccolto le firme di quattordici consiglieri (tutta l’opposizione salvo l’Udc). Sacchi vuol impegnare l’Amministrazione “a revocare o, comunque, sospendere la norma che, in seno al disposto della deliberazione n. 264 di data 10.08.2011-Rep. n. 1064 (pag. 14, lett. b) dispone l’applicazione di una sanzione amministrativa in caso di “scontrino non esposto o non leggibile” almeno sino a quando non sia stata data piena e completa attuazione all’art. 7, commi 7 e8, C.d.S., con particolare riguardo alla destinazione di parte dei proventi dei parcheggi a pagamento al miglioramento della mobilità urbana, nonché alla previsione “su parte della stessa area (a pagamento) o su altra parte nelle immediate vicinanze” di adeguate aree per la sosta gratuita; in ogni caso, a promuovere un’ampia e diffusa consultazione con le associazioni e le categorie interessate onde pervenire ad un miglioramento del piano della sosta attraverso l’adozione concordata di eventuali nuove misure”.

“Se si vuol applicare il codice della strada” afferma Sacchi “lo si faccia in toto, anche applicando quelle norme che vanno a favore degli automobilisti e non solo quelle a sfavore, specialmente in un momento di crisi come questo”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X