Gol e spettacolo all’Helvia Recina
Maceratese ripresa due volte

Il big match con la Fermana finisce 2-2. Pubblico delle grandi occasioni che a Macerata non si vedeva da tanto tempo. Biancorossi in vantaggio con Rosi e Cacciatore, i canarini rimontano grazie a Bettini
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

V4D0081-300x199

di Filippo Ciccarelli

(fotoservizio di Guido Picchio)

Che spettacolo, l’Helvia Recina. Oltre 2.000 persone per un turno infrasettimanale di Eccellenza sono rare a vedersi; segno che a Macerata c’è fame di calcio, e che questa Maceratese crea, non a torto, molte aspettative. Le premesse per una partita di assoluto valore c’erano tutte, e non sono state disattese: bel gioco, agonismo, tanti goal hanno fatto da cornice alla seconda giornata di campionato disputata dai biancorossi.
Complessivamente sono più le luci che le ombre nel 2-2 che è maturato sul campo: in altri tempi un pareggio in casa con la Fermana sarebbe stato preso come un dono (ed effettivamente le sfide all’Helvia Recina hanno sempre un tratto quasi epico, come il pareggio dello scorso anno nonostante molti minuti giocati in inferiorità numerica, o l’1-1 della stagione 2009/10 con rete di Ramadori proprio allo scadere), oggi prevale più la fastidiosa sensazione non di aver guadagnato un punto, ma di averne persi due.
V4D0033-300x209La Maceratese di inizio gara ha ubriacato la Fermana ed avrebbe potuto segnare almeno tre reti nel primo quarto d’ora, ma la scellerata decisione da parte dei giocatori in campo di lasciare terreno agli avversari dopo essersi portati sull’1-0 ha fatto sì che la compagine ospite riuscisse a salire ed anche a riportare le cose in parità.
Già al 3′ i padroni di casa riescono a creare pericoli all’estremo difensore della Fermana, ma il pallone crossato basso attraversa l’area piccola senza che nessuno riesca a spingerlo dentro. Passano 60 secondi ed il fantasista Rosi, imbeccato da una punizione battuta da dietro la linea mediana del campo, colpisce la traversa dopo essersi coordinato col mancino.
Al 9′ Cacciatore confeziona un assist al bacio che libera Rosi solo di fronte a Cionini: l’ex fantasista del Corridonia non sbaglia e la Maceratese si porta in vantaggio. La Fermana sembra impacciata e lenta, presa alla sprovvista dai rapidi cambi di gioco messi in atto dall’undici di Di Fabio, ma riesce col passare dei minuti – grazie alla complicità di una Maceratese attendista – a prendere metri e coraggio. Al 17′ Bettini colpisce in acrobazia dal centro dell’area di rigore un pallone provvidenzialmente deviato in corner da Carfagna. Il pareggio arriva  dal piede dello stesso Bettini, che confeziona un goal meraviglioso trovando l’incrocio dei pali dal limite dell’area biancorossa.
V4D0084-300x199E’ il solito Rosi che al 31′ potrebbe riportare in avanti la Maceratese, ma il suo sinistro calciato da ottima posizione viene contrato da un difensore, e la Fermana si salva, ed anzi al 40′ non sfrutta un contropiede originato da una palla persa in modo goffo dalla retroguardia biancorossa; il primo tempo si chiude con gli squilli di Cacciatore, al 45′, e quello di Fusco al 46′.
Nella ripresa la Fermana inserisce Mozzoni al posto di uno spento Fabiani, ma è la Maceratese a trovare subito la via del goal grazie ad una stupenda conclusione di sinistro di Cacciatore, che salta un avversario prima di concludere da fuori area mettendo il pallone alle spalle di Cionini.
Al 7′ De Marco fa tris spiazzando, con un bel colpo di testa, l’estremo difensore gialloblù ma la posizione del giocatore è considerata irregolare dall’assistente Ladisa di Ancona (al 3′ della ripresa anche alla Fermana era stato annullato un goal di Bettini).
Sembra invece molto netto l’offside che non viene segnalato a Bettini quando, al 18′, penetra in area di rigore e viene chiuso dalla strepitosa uscita di Carfagna. La Fermana gioca di rimessa ma si rende pericolosa con Fusco, che troverebbe la gioia della marcatura se non fosse per il signor Gasparrini che lo ferma per fuorigioco. La formazione di mister Scarafoni non deve attendere molto per esultare, perché al 32′ una leggerezza difensiva della Maceratese V4D0199-300x199(con Arcolai nettamente fuori causa) consente a Bettini di trovare il goal che vale il 2-2. Nell’occasione del pareggio i biancorossi protestano vivacemente per un tocco di mano che avrebbe viziato l’azione, ma tant’è: nel finale c’è spazio per un’altra decisione dubbia presa dall’arbitro, che non vede un atterramento a palla lontana ed in area di rigore su De Marco al 38′, e per un colpo di testa di Eclizietta bloccato da Cionini in overtime.
Finisce con il pubblico in piedi che applaude la Maceratese e con i giocatori che ringraziano, incassando il meritato riconoscimento dei supporter intervenuti (oltre 2000). Se la squadra riuscirà a correggere le piccole pecche viste quest’oggi (su tutte l’aver mollato dopo il primo goal ed i tanti lanci lunghi sbagliati che hanno consentito alla Fermana di ripartire senza rischiare) la Maceratese potrà togliersi molte soddisfazioni: l’importante è continuare a lavorare.
Nel post gara il presidente della Maceratese, Maria Francesca Tardella, ringrazia il pubblico presente ma attacca la terna arbitrale, rea di “aver annullato il goal di De Marco assolutamente regolare” e di aver esagerato con i cartellini: “possibile che noi abbiamo 5 ammoniti e i nostri avversari nessuno?”.
V4D0180-300x254Mister Di Fabio spiega cosa è successo dopo il primo goal: “Abbiamo smesso di giocare. Dopo il pareggio, poi, ci siamo disuniti e non abbiamo più velocizzato l’azione, sul finire della prima frazione ci siamo un po’ ripresi. Il secondo tempo penso che l’abbiamo fatto noi, i miei ragazzi si sono arrabbiati perché in occasione della seconda rete della Fermana mi hanno detto che c’è stato un fallo di mano netto… comunque siamo contenti per la prestazione, abbiamo sempre cercato di vincere, anche sul 2-2”.
L’allenatore della Fermana, Scarafoni, elogia i suoi: “siamo stati bravi a recuperare sempre, avevamo qualche defezione, in difesa abbiamo giocato con due fuoriquota e pure in panchina c’erano giocatori cona lcuni problemi. La Fermana ha carattere, certo ci sono alcune cose da rivedere, come la fase di non possesso: in quel caso abbiamo concesso troppo, i due goal li abbiamo presi con il centrocampo e la difesa schierati su azione manovrata”.

IL TABELLINO

MACERATESE: Carfagna 6.5, Donzelli 6, Russo 6.5, Bucci 6.5, Arcolai 6, Benfatto 6.5, Romanski 6 (37′ st Eclizietta s.v.), Carboni 6.5, De Marco 6, Cacciatore 8 (22’st Giandomenico 6), Rosi 7 (30’st Piergallini s.v.). A disposizione: Ortenzi, Tartabini, Cucco, Cacopardo. All. Di Fabio.

FERMANA: Cionini 6, Lazzerini 6.5, Gagliardi 6 (28’st Casino s.v.), Brizzi 6.5, Del Tongo 6, De Reggi 6.5, Mariani 6, Parlato 6, Fusco 7 (40’st Bagalini s.v.), Bettini 8, Fabiani 5.5 (1’st Mozzoni 6). A disposizione: Tonarelli, Bagalini, Carozza, Iuvalè, Facciaroni. All. Scarafoni.

Arbitro: Guerrieri di Ascoli Piceno.

Marcatori: Rosi al 9’pt, Bettini al 27′ pt e 32’st, Cacciatore al 4’st.

Note: oltre duemila spettatori (circa 150 ospiti). Ammoniti Carfagna, Russo, Arcolai, Romanski, Benfatto (M). Calci d’angolo 2-1 per la Fermana. Recupero 1′ + 3′.

 

V4D0002-300x199   V4D0010-300x199   V4D0013-300x180     V4D00811-300x199     V4D0095-300x190   V4D0131-300x214   V4D0151-300x217   V4D0154-300x230   V4D0156-300x202   V4D0169-300x238   V4D0171-300x191   V4D0176-300x277   V4D0177-300x203     V4D0184-300x213   V4D0193-300x199     V4D0202-300x209   V4D0223-300x232   V4D0239-300x227   V4D0242-300x229   V4D02421-300x229   V4D0263-300x223   V4D0268-300x223   V4D0276-300x223   V4D0289-300x199   V4D0308-300x219   V4D0317-300x199   V4D0325-300x199



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X