Civitanova, Recanati e Cingoli a Tonino
Macerata, San Severino e Treia a Franco

- caricamento letture

Il-cavallo-di-Treiadi Matteo Zallocco

Cinquecento voti separano Tonino (Pettinari) da Franco (Capponi) in un primo turno dove ha sicuramente influito il trend della politica nazionale con l’effetto Berlusconi che stavolta ha sfavorito il candidato del centrodestra dopo avergli dato la spinta decisiva nella vittoria contro Giulio (Silenzi) del 2009. Comunque vada ci sarà un sicuro vincitore: la città di Treia. La patria della disfida del bracciale (ma anche del calcione e della sagra della polenta), porta in dote alla prossima amministrazione provinciale il nuovo presidente e il leader della minoranza. Ai treiesi (qualcuno di loro lo ha sottolineato nei commenti di CM) è andata anche meglio delle elezioni precedenti quando potevano contare su presidente e vicepresidente.

A Treia il primo round lo ha vinto Capponi che ha preso il 59,2% contro il 33,1 di Pettinari (insieme nel 2009 avevano portato a casa il 69,4 contro il 29,8 di Silenzi). Tonino, però, ha effettuato un vero e proprio blitz a Cingoli dove ha portato a casa il 43,36% contro il 37,5 di Franco a cui svantaggio ha giocato l’effetto rifiuti visto che nella campagna elettorale di due anni fa aveva puntato molto sulla promessa di non realizzare la discarica a Fosso Mabiglia.

Testa a testa a Macerata dove Capponi ha raggiunto il 43,1 contro il 42, 3 di Pettinari che a sua volta ha fatto sua Civitanova (un bel segnale per il segretario del Pd cittadino Giulio Silenzi che sta studiando da sindaco in vista delle elezioni del prossimo anno) con un importante 49,6 contro il 38,7 del candidato del centrodestra.

 

attesa-elezioni

 

A Recanati vittoria schiacciante di Pettinari (51,8% contro il 30,2) che ha superato nettamente Capponi anche a  Porto Recanati (50,2 a 35,9, decisivo il contributo del sindaco Rosalba Ubaldi) e Camerino (53 a 35,7). Tonino vince anche a Corridonia (47,2 a 38,16),  Potenza Picena (45,9 a 40,29) e Tolentino (43,5 a 42) dove a sorpresa l’ex assessore provinciale pidiellino Giuseppe Pezzanesi (anche lui studia da sindaco) ha raccolto 111 voti superando il primo cittadino Luciano Ruffini (Pd) fermo a 831.

Per Capponi netta vittoria a San Ginesio (56,66 a 35,18), Montecassiano (52,1 a 39,7), Monte San Giusto (52,7 a 36,8, decisivo il contributo del sindaco Mario Lattanzi, coordinatore provinciale del Pdl) e Morrovalle dove il candidato del centrodestra ottiene il 43,2 contro il 29,16 di Pettinari, figlio dell’exploit di Acquaroli (19,5) nel Comune di cui è stato sindaco negli ultimi 10 anni.

Pettinari e Capponi hanno prevalso, rispettivamente in tredici e undici collegi. Tonino ha superato il 50% in tre collegi: Recanati 1 (53,5), Civitanova 2 (52,5) e Cingoli (50,5), mentre il risultato peggiore lo ha riportato appunto nel collegio di Morrovalle (34,4). Capponi ha superato la metà dei voti nei collegi di Treia (54,1) e San Severino Marche (52,1) dove tra l’altro è stato eletto un sindaco di centro sinistra (Cesare Martini) con il 55,43%. Capponi ha ottenuto la percentuale più bassa nella circoscrizione di Recanati 1 (27,2).

capponi-e-pettinari-stretta-di-mano

La stretta di mano tra Franco e Tonino (foto Picchio)

Degli altri tre candidati, Acquaroli ha ottenuto il risultato migliore a Morrovalle (19,5) e il peggiore nel collegio di Sarnano (5,5); Marangoni ha riportato i due risultati estremi a Recanati 1 ( 7,2) e Civitanova 2 (1); Gentilucci ha ottenuto la sua unica percentuale a due cifre nel collegio di Camerino (11,9), facendo il pieno nel seggio della sua Pieve Torina (49,11%) mentre la percentuale più bassa l’ha riportata nel collegio di Cingoli (0,3).

Dei gruppi politici, il Pdl, che ha riportato il maggior quoziente elettorale, pari a 32.781 voti, ha ottenuto la cifra elettorale più alta (cioè la maggiore percentuale sul totale dei voti) a Matelica con il candidato Patrizio Gagliardi (36,11); il Partito Democratico (30.916 voti) ha ottenuto la maggiore percentuale (38,92) nel collegio di Civitanova 1 con il candidato Giorgio Palombini, il quale – se i risultati ufficiosi saranno confermati dall’Ufficio elettorale presso  Tribunale – sarà il consigliere provinciale “anziano”. Il miglior risultato dell’Udc (9.190 voti) è nel collegio di Cingoli con il candidato Leonardo Lippi (28,28); l’Idv (7.779 voti) ha avuto la percentuale più alta nel collegio di Castelraimondo con il candidato Giovanni Torresi (9,74). Della lista “La nostra Provincia (5.988 voti) il miglior risultato è del candidato Massimiliano Bianchini nel collegio di Macerata 2 (11,05). La Lega Nord (5.566 voti) prevale nel collegio di San Severino Marche con Luigi Zura Puntaroni (9,05). Sel (5.562 voti) e Federazione della Sinistra (5.068) ottengono i risultati migliori rispettivamente nei collegi di Corridonia 2 con Esildo Candria (9,17) e Tolentino 1 con Mauro Romoli (8,09). Il nuovo polo con Capponi (4.809 voti) ha ottenuto quasi un quarto dei suoi consensi nel collegio di Treia con il candidato Gianfranco Pascucci (22,06). Infine, La Destra (4.194 voti) ha riportato la più alta percentuale nel collegio di Sarnano con il candidato Simone Livi (10,31).

***

pd-civitanova-nuova1-300x199Esulta il Pd di Civitanova: “Vogliamo ringraziare tutti gli elettori che con il loro voto hanno permesso al Pd di Civitanova di tornare ad essere con il 33,8% il primo partito della città, staccando il Pdl di 9 punti percentuale. Straordinari i risultati raggiunti dai nostri candidati con Giorgio Palombini che nel collegio di San Marone ha ottenuto la percentuale più alta in assoluto nella provincia (38,92%), Gustavo Postacchini che con 1676 preferenze si è confermato nel collegio di Civitanova Alta e Giuseppina Bruno che con 1407 voti ha vinto nel collegio Centro dove mai il Pd era riuscito in una simile affermazione. Sapremo onorare la fiducia che i nostri elettori hanno riposto nel nostro lavoro e impegno. Chiediamo un ulteriore sforzo per domenica 29 maggio in occasione del ballottaggio per riconfermare l’importante vittoria di Antonio Pettinari”.

***

Soddisfatta  Deborah Pantana (Pdl) : “Ringrazio i maceratesi – che mi hanno di nuovo accordato consenso e fiducia dopo le comunali dello scorso anno. L’essere il candidato maceratese più votato sia del PDL che di tutti gli schieramenti mi riempie di soddisfazione ed allo stesso tempo mi fa sentire la responsabilità di continuare ad offrire il mio contributo per il rilancio del capoluogo Ora l’impegno di tutti deve concentrarsi al ballottaggio che per Macerata rappresenta una doppia occasione: riconfermare Capponi in Provincia e mettere le basi per  un nuovo governo della città”.

***

Scrive anche Marco Bernabei, coordinatore de La Destra Macerata: “Volevo ringraziare tutti quanti ci hanno consentito, attraverso la loro preferenza, di portare il partito ad essere la seconda forza in ordine di grandezza all’interno del centro destra nel comune di Macerata. Ritengo che a premiarci sia stato l’ottimo lavoro di squadra svolto durante la campagna elettorale da tutti i candidati: Pierpaolo Simonelli Paccacerqua, Azzurra Forconi, Michele De Simone ed io. Ci siamo sostenuti a vicenda, siamo stati presenti in modo capillare nel territorio ascoltando la gente e chiedendo con umiltà e dignità il voto. L’atteggiamento vincente è stato nel mostrarci per quello che siamo  proponendo idee concrete nell’ambito di programmi realizzabili, senza indossare le tipiche maschere delle propagande elettorali che, come dimostrano i dati sull’astensionismo, ottengono come unico risultato, quello di allontanare l’elettore dalle consultazioni E’ quindi con immenso orgoglio che oggi posso affermare che nel comune di Macerata è tornato ad essere presente un vero partito di Destra con il quale d’ora in avanti le altre forze saranno costrette a relazionarsi con il dovuto rispetto”.

***

 

marangoni-acquaroli-gentilucci

Grande soddisfazione anche per il candidato presidente Enzo Marangoni: ” Le due liste Lega per la Marche e Famiglia Identità Territorio hanno ottenuto il 2,11%, un grande successo pensando che sono nate solo due mesi fa. Grande gioia anche per il risultato ottenuto a Recanati con una percentuale superiore  al 7% . Il risultato ottenuto- afferma Marangoni-  non è per  me ed il mio gruppo un punto d’arrivo, ma un punto di partenza per  continuare con tanta passione il lavoro che abbiamo iniziato sul territorio”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X