Il vicesindaco di Tolentino: “Incomprensibili
le proteste sulla pista ciclabile”

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

bruni

Un convinto intervento a sostegno della realizzazione della pista ciclabile cittadina arriva dal vicesindaco Alessandro Bruni (foto), dopo le perplessità manifestate nei giorni scorsi da Dimensione Tolentino che è pronta ad avviare una raccolta di firme per fermare questa iniziativa. “La richiesta di piste ciclabili” spiega Bruni “oltre ad essere un obiettivo di buon senso e previsto nel programma dell’Amministrazione, è stata avanzata da molto tempo, da molti cittadini, da molti giovani ed anche dal Consiglio Comunale dei Ragazzi. Il progetto è noto da quasi un anno, presentato in un incontro pubblico organizzato proprio per raccogliere osservazioni, sono stati ascoltati singoli cittadini ed alcuni soggetti interessati ma, soprattutto, è stato annunciato in modo chiaro che si sarà una fase di alcuni mesi di sperimentazione per realizzare al meglio il progetto e cercare la massima condivisione. Il progetto nasce per creare una rete ciclopedonale urbana integrata con la stazione ferroviaria per combattere l’inquinamento come previsto dal Ministero dell’Ambiente e, quindi, la zona individuata è assolutamente adeguata trovandovisi un nodo nella Stazione Ferroviaria e nel futuro parcheggio di scambio (84 posti), è una zona in cui ci sono plessi scolastici, aree verdi e aree sportive; il circuito, inoltre, collegherà il centro storico (fino alla rotatoria di palazzo Europa) e la nuova zona di espansione Pace (fino al viadotto Berlinguer).

L’osservazione di Dimensione Tolentino sul senso unico che in realtà già esiste in viale Benadduci (si tratta di cambiare il senso per una parte fino all’incrocio con via A. Lucentini) non è adeguatamente motivata. La riduzione di parcheggi” afferma Bruni “non sarà  significativa ed è curiosa l’affermazione secondo cui qualche parcheggio in meno avrà l’effetto di “incrementare l’inquinamento atmosferico” quando fluidificare il traffico e potenziare i percorsi ciclopedonali serve proprio a tentare di ridurre l’inquinamento ed evitare così danni alla salute prodotti dalle polveri sottili e permettere una maggiore vivibilità della città . Anche le osservazioni contrarie all’uso del treno e del trasporto urbano risultano veramente difficili da comprendere: in una fase in cui esistono rilevanti problemi relativi all’inquinamento legato al traffico delle auto e ad un costo sempre crescente ed insostenibile dei carburanti, la direzione è proprio quella di potenziare l’utilizzo del treno, del trasporto pubblico urbano, della pratica del car pooling e sicuramente il ricorso ai percorsi ciclopedonali anche integrati con le modalità appena descritte per raggiungere scuole e luoghi di lavoro. A proposito del treno penso che sia oramai necessario rilanciare il dibattito sulla trasformazione della tratta Albacina-Civitanova Marche in una sorta di “metropolitana leggera” più veloce e con più fermate. L’impegno di tutti dovrà essere, in realtà, quello di creare ulteriori percorsi ciclopedonali anche in altre zone della città, completare il percorso verso il lago delle Grazie ed arrivare anche al Castello della Rancia”.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X