Il Tolentino riceve la capolista Ancona
Casoni: “Domenica vinceremo noi”

Il capitano cremisi: "Ormai l'obiettivo primo posto è sfumato"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Casoni-3-240x300

Il capitano del Tolentino Andrea Casoni

di Paolo Del Bello

 

Andrea Casoni, è il capitano del Tolentino e dopo Andrea Armellini è il giocatore più anziano della squadra cremisi. Quella con l’Ancona di domenica prossima per il Tolentino poteva essere la partita decisiva per puntare a vincere il campionato, invece è una partita che a questo punto del campionato serve solo alla capolista. Noi abbiamo ascoltato proprio la voce del capitano cremisi in vista di questa sfida.

Casoni, peccato affrontare l’Ancona con la consapevolezza che il primo posto ormai è praticamente sfumato…

“Gli ultimi risultati sono stati penalizzanti per noi ed a questo punto solo la matematica ci impedisce di essere fuori dai giochi. Però bisogna guardare anche  alla realtà, con due squadre davanti recuperare rispettivamente dieci e nove punti è una cosa quasi impossibile. Noi comunque proveremo a fare quindici punti nelle ultime cinque partite”.

Dopo aver battuto la Fermana nel girone di ritorno ed aver perso con l’Ancona 1905 ai calci di rigore la finale di Coppa Italia, per molti addetti ai lavori era proprio il Tolentino la squadra favorita per la vittoria finale. Cos’è successo?

“Noi abbiamo perso troppi punti per strada, il cammino di Ancona e Fermana è stato invece più regolare ed alla resa dei conti hanno preso un margine di vantaggio tale che a cinque partite dalla fine sarà molto difficile da recuperare. Potevamo e dovevano far meglio”.

L’anno scorso contro il Piano San Lazzaro, quest’anno contro l’Ancona; in sei scontri diretti tra campionato e Coppa Italia il Tolentino non ha mai vinto…

“Vincerà domenica. Prima o poi dovrà succedere. Noi daremo il massimo per far bene e cercheremo in tutti i modi di vincere la sfida. La partita di domenica è importante anche per noi. Dopo la sconfitta di Grottammare, l’Elpidiense Cascinare si è avvicinata e quindi non possiamo più commettere passi falsi. Dobbiamo quanto meno chiudere il campionato al terzo posto”.

L’Ancona mercoledì ha vinto ad Inveruno la semifinale di andata di Coppa Italia, ha quasi un piede nelle finalissima. Per domenica pensa di trovare una squadra stanca?

“Assolutamente no, l’Ancona 1905 ha una rosa molto ampia che può tranquillamente giocare su due fronti senza problemi. Non conosco la squadra che è scesa in campo, ma spero per noi che qualche giocatore possa essere un po’ affaticato. Il risultato della partita di domenica però dipende molto da noi. Vogliamo vincere per regalare ai nostri tifosi una grande soddisfazione”.

Per domenica servirà anche il calore del pubblico?

“Quest’anno i nostri tifosi meritano un bel dieci in pagella. Ci sono stati sempre vicini, sia in casa che in trasferta. Sono certo che anche domenica pomeriggio saranno in tanti sulla gradinata ad incitare la squadra. Sabato ricorre l’anniversario della scomparsa di Enrico Pallorito, un tifoso vero che era sempre presente ad incitare la squadra. Prima della gara lo voglio ricordare portando un mazzo di fiori ai piedi della gradinata”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X