Helvia Recina, parla Messi:
“E’ un onore
prendere il posto di Angelo”

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Alessio Messi, l'estremo difensore che ha preso il posto del veterano Francioni all'Helvia Recina

di Andrea Busiello

La stagione è iniziata nel migliore dei modi. Due partite e sei punti incamerati, meglio di così non poteva proprio andare all’Helvia Recina che sabato prossimo è attesa dal derby contro l’Appignanese con la posta in palio che comincia a diventare interessante. Noi abbiamo scambiato quattro chiacchiere con l’estremo difensore degli uomini di mister Gasparrini Alessio Messi, che si è dichiarato speranzoso di continuare questo prezioso trend intrapreso.

Messi, sabato vittoria sofferta contro la Nuova Folgore…

“Si, è stata una vittoria molto sofferta ma pesantissima per classifica e morale; c’è stata una grossa ingenuità sul gol subito però poi con la grinta, il cuore e la determinazione siamo riusciti a vincere una gara importante”.

Siete in vetta alla classifica ma il campionato è ancora molto lungo…

“E’ tutto da vedere, di sicuro avere 6 punti nelle prime 2 gare di campionato fa piacere. Siamo solo all’inizio, aspetterei ancora qualche giornata prima i fare dei bilanci”.

Quali sono le squadre che lotteranno con voi per la vittoria finale del campionato?

“Credo che Casette Verdini, Appignanese e Real Cameranese siano le più accreditate insieme a noi; sarà fondamentale mantenere un ritmo costante e non abbassare mai la guardia con nessuno. Dobbiamo pensare a giocare una partita per volta”.

Dopo tantissimi anni di militanza (ben 10) lei è chiamato a prendere le redini di un santone del calcio dilettantistico come Angelo Francioni: come si sente?

“Per me è un onore prendere il posto di Angelo, ho passato due anni a fare il suo secondo ed ho imparato davvero tante cose. Spero di fare bene”.

Sabato derby contro l’Appignanese, posta in palio elevata…

“Si, concordo. E’ una partita delicata, si tratta di un derby e la classifica ci vede vicini. Credo che l’Appignanese abbia tutte le carte in regola per disputare un torneo di vertice, ma noi cercheremo il pieno anche ad Appignano per allungare questa scia di vittorie”.

Chi teme maggiormente degli avversari?

“Si tratta di un gruppo giovane e molto compatto. Senza dubbio Leonori è un attaccante di spessore che sa il fatto suo, ma noi dobbiamo giocare come sappiamo ed allora sono convinto che faremo risultato anche ad Appignano”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



Donazioni
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X