Sacha Bianchi è arrivato
a quota 197 gol

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Sacha Bianchi

di Andrea Busiello

Di professione fa il bomber. Lui il sabato si arma di forza, coraggio e tanta determinazione e torna a casa con l’aver gonfiato la rete quasi sempre. Il personaggio in questione è Sacha Bianchi (nella foto), centravanti del Rapagnano in Seconda categoria girone G, ma corridoniense di nascita e a tutti gli effetti maceratese. In passato è spesso salito alla ribalta delle cronache locali per aver segnato grappoli di gol con decine di squadre diverse e anche quest’anno, nonostante le 35 primavere, si sta dimostrando implacabile sotto porta, grazie alle sue 11 gemme realizzate in campionato. Numeri di alta scuola per un bomber di razza capace di segnare sempre, comunque ed ovunque. Noi siamo andati ad ascoltare proprio la voce del diretto interessato sulla stagione attuale ma più ad ampio raggio ripercorrendo alcune fasi della sua carriera da bomber.

Bianchi, partiamo dai numeri: quanti gol ha realizzato fino ad oggi in carriera?

“197. E’ un numero ragguardevole e sono davvero felice di quello che ho fatto nella mia carriera calcistica. Ovvio che il prossimo obiettivo è quello di raggiungere le 200 reti in carriera, spero che ciò avvengo prestissimo”.

Il più bello di quest’anno?

“Due settimane fa ho segnato un gol alla “Del Piero” con un bel tiro a giro e palla sotto la traversa. Non sono un giocatore che segna gol belli però questo è stato balisticamente davvero eccellente. La mia speranza è quella di vincere anche quest’anno la classifica cannonieri perchè sarebbe la terza consecutiva dopo i 22 gol di Petriolo e i 22 di Castelraimondo”.

A chi dedica questa leadership nella classifica cannonieri?

“A mia moglie Semia che mi sopporta con questa mia grande passione che è il calcio e mi permette di continuare a giocare. Lei merita questa dedica”.

Nel corso della sua carriera quando ha realizzato il maggior numero di reti in un singolo incontro?

“Quest’anno ne ho realizzati 4 contro l’Azzurra Fermo ed abbiamo vinto 5-4 una partita incredibile. Un poker da ricordare assolutamente anche perchè il portiere della squadra avversaria era mio amico e dunque pensate che beffa che è stata per lui”.

La speranza per l’annata in corso?

“Quella di salvarci il prima possibile perchè l’ambiente è davvero ottimo. Il mister e la società meritano ampiamente di raggiungere questo traguardo e mi auguro che anche grazie ai miei gol riusciamo a raggiungere questo obiettivo. Anzi colgo l’occasione per ringraziare mister Fabrizio Cesetti per la disponibilità e professionalità che mette a disposizione sempre e comunque”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X