Per salvare le piccole imprese la Regione chiede aiuto alla Marcegaglia

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

marcegaglia1

La domotica a sostegno dei sistemi diffusi di piccole imprese marchigiane, per resistere e rilanciare la crescita. Un progetto innovativo e subito cantierabile, quello della Regione Marche, in grado di sostenere i processi di sviluppo delle imprese locali, sul quale e’ necessario sollecitare il Governo. Il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca, ha inviato una sintesi del progetto al presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, chiedendo la collaborazione dell’associazione per sensibilizzare i ministri competenti.

”Facendo seguito a quanto anticipato in occasione dell’assemblea di Confindustria a Pesaro di venerdi’ scorso – scrive Spacca alla Marcegaglia – le trasmetto una sintesi del progetto di distretto tecnologico marchigiano dedicato alla domotica. Il progetto e’ stato predisposto dal Governo regionale e presentato, lo scorso maggio, a Roma al ministro dell’Universita’ e della Ricerca, con l’obiettivo di definire in tempi brevi un accordo di programma. Purtroppo, ancora non abbiamo avuto risposte, nonostante la disponibilita’ della Regione ad attivare un regime di cofinanziamento’
L’iniziativa, spiega Spacca, ”prende spunto dalle vocazioni tipiche dal sistema imprenditoriale marchigiano e interessa tutti i settori del ‘made in Italy’ regionale. Mira a favorire la crescita innovativa del tessuto produttivo, soprattutto dei sistemi di piccola impresa, e, per questo, vi partecipano anche le Universita’ e i Centri regionali di trasferimento tecnologico. Il progetto e’ subito cantierabile, innovativo dal punto di vista tecnologico e con forte propensione alla ricerca, con risultati applicativi fondamentali per sostenere i processi di sviluppo delle reti diffuse di piccole imprese, in tutti i territori delle Marche”.

Secondo Spacca, ”si tratta, dunque, di un’ulteriore e concreta azione di politica industriale promossa dalla Regione per ‘resistere’ alle difficolta’ dell’economia, rilanciare la ripresa su solide basi tecnologiche, creare nuova occupazione ad elevata qualita’. Risulta fondamentale avere risposte, finora mancate, anche su altri progetti di rilancio imprenditoriale ed accordi di programma presentati al ministro allo Sviluppo economico, legati alle principali aree di crisi territoriale nelle Marche, nonostante il concorso e la collaborazione di piu’ Regioni interessate”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X